Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La doppia presenza della donna - Organizzazione in ambito familiare e professionale

La donna, mai come oggi, si sente “divisa” a causa della propria doppia presenza nell’organizzazione del lavoro familiare e professionale, e in molteplici organizzazioni istituzionali di vario genere: sanitario, scolastico, religioso…
La tesi si propone di situare il ruolo odierno della donna rispetto alle organizzazioni con una breve presentazione dello status femminile e degli agenti principali di cambiamento: il lavoro, le nuove famiglie, il movimento femminista.
I temi e gli argomenti presentati o semplicemente sfiorati sono molteplici e potrebbero rappresentare a loro volta titoli di ricerche o tesi ulteriori; ho scelto, a scapito di maggiore sistematicità, di aprire numerose finestre, di percorrere vie frammentarie per descrivere la realtà della doppia presenza della donna ma non solo: ho cercato anche di comprendere tale difficile realtà.
Secondo l’ipotesi avanzata la donna, inserita in ambito familiare e professionale svolge le proprie mansioni trasferendo reciprocamente nelle diverse organizzazioni le proprie qualità personali e competenze professionali sviluppando anche una notevole capacità individuale di organizzazione; lo sforzo e l’utilizzo delle competenze di organizzazione influiscono sulla qualità della vita della donna.
Il presente lavoro si basa su un’indagine qualitativa interpretativa svolta con la collaborazione di dieci donne con figli, profilo culturale medio-alto, che lavorano autonomamente o inserite in organizzazioni.
L’indagine, condotta sulla base di interviste semistrutturate, ha conferito visibilità a molteplici risorse femminili; le risposte aperte hanno dato inoltre la possibilità di aprire ad un incontro con le donne permettendo l’ambiziosa intenzione di andare oltre l’asettica elaborazione di risposte di un qualsiasi test.
La presentazione della metodologia utilizzata nella costruzione delle interviste può apparire ridondante, tuttavia è il frutto di un’attenta e scrupolosa scelta di strumenti d’indagine nel rispetto della personalità e della privacy delle donne intervistate.
I risultati ottenuti non si possono utilizzare per una standardizzazione della qualità della vita della donna, ma sarà possibile considerare l’indagine come punto di partenza e verifica su base più ampia e conseguente valenza statistica.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Le dinamiche familiari nella societ� odierna sono in evoluzione permanente nella forma, nei contenuti e nelle modalit� di espressione e presentano aspetti complessi da comprendere e interpretare. La finalit� principale del presente lavoro � quella di scoprire l�esistenza di strategie possibili per far fronte ai numerosi cambiamenti dello status femminile: assumono rilevanza il grado di soddisfazione personale della donna stessa e il livello di ansia percepito, due importanti indicatori emotivi che concorrono a rappresentare quella �qualit�� della vita di cui oggi si parla molto. Il concetto di qualit� della vita tende progressivamente a scalzare quello di welfare state, spostando l�attenzione dei mass media e delle correnti ideologiche culturali, dalle analisi e diagnosi su scala sociale, all�interessamento dei fatti in ambito individuale: la migrazione dal pubblico al privato non ha sempre tenuto conto delle scelte metodologiche adeguate e opportune, da cui la sensazione diffusa di �invasivit�� nelle sfere pi� intime della persona. Attraverso la testimonianza di donne presenti sia in famiglia, sia sul mercato del lavoro ho avuto la possibilit� di incontrare e conoscere numerose esperienze che caratterizzano lo status femminile contemporaneo; istituzioni, ruoli, luoghi, aspettative rappresentano per le

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Lucia Barucco Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12755 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.