Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro di Annibale Ruccello: mass media come nuovi attori

Televisione radio e telefono sono gli emblemi della cultura di massa degli anni ottanta, impongono linguaggi, nuovi modi di comunicare, forniscono messaggi. Nel teatro di Ruccello diventano veri e propri attori sul palco che interagiscono con le protagoniste, influenzandone i pensieri e le azioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo primo 1.1 L’autore, le opere. Annibale Ruccello, attore, autore e regista, nasce a Castellamare di Stabia nel 1956; si laurea a Napoli con una tesi su La cantata dei pastori di Andrea Petrucci, tesi che verrà pubblicata nel 1978 con il titolo Il sole e la maschera. Una lettura antropologica della cantata dei pastori. Di Andrea Petrucci è anche il suo primo lavoro teatrale Il vero lume tra le ombre, del 1977. Muove i suoi primi passi come autore accanto a Lello Guida, scrivendo piccole opere in parte ispirate da materiali popolari e destinate alla messa in scena immediata per la coperativa Il Carro, nata nel 1978. 1 Il primo testo autonomo della sua drammaturgia si intitola Le cinque rose di Jennifer, scritto nel 1980; Notturno di donna con ospiti e Week-end, entrambi scritti nel 1983 completeranno la trilogia che Ruccello chiama “teatro da camera”. Con Week-end nel 1983 Ruccello vince il premio IDI under 35. Nel 1984 firma la regia degli spettacoli Passeggiata serale e Letteratura, due atti unici inediti di Arthur Schnitzer, e nello stesso anno si dedica ad una problematica storica complessa, l’Italia di fine ‘800, scrivendo Ferdinando, testo che vincerà il primo premio Anticoli-Corrado nel 1984 e due premi IDI, nell’85 come testo teatrale e nell’86 come miglior messa in scena allestita dall’autore ed interpretata da Isa Danieli. 1 Le opere in questione sono I gingilli indiscreti, L’osteria del melograno, Ipata (tratto dall’Asino d’oro di Apuleio), e Napoli- Hollywood, un’ereditiera, remake del film di William Wyler, tratto a sua volta dal romanzo Washington Square di Henry James.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuela D'angelo Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5531 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.