Skip to content

Psicopatologie delle condotte on-line. Aspetti clinici e psicopatologici correlati all'uso di Internet

Informazioni tesi

  Autore: Sarah Pederboni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Paolo Scudellari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

L’ingresso nell’era della tecnologia e di Internet ha fatto nascere nuove patologie, che Griffiths definí “technological addiction” e che condividono con le dipendenze da sostanze alcune caratteristiche essenziali (dominanza, alterazioni del tono dell’umore, tolleranza, astinenza, conflitto e ricaduta); tali patologie furono inserite nella categoria delle “nuove dipendenze”, quelle, cioè, il cui oggetto non è una sostanza chimica, ma un comportamento o un’attività lecita e socialmente accettata.
Tra tutte le nuove tecnologie, Internet è quella che ha le caratteristiche più adatte a far sviluppare una dipendenza: la facilità d’accesso, la possibilità di comunicare in modo nuovo abbattendo le barriere spazio-temporali e le sensazioni di onnipotenza e di controllo che si sperimentano sono solo alcune delle caratteristiche che affascinano e catturano il navigante.
Nel mio elaborato ho analizzato in tutti i suoi aspetti quello che Goldberg chiamò per la prima volta nel 1995 “Disturbo di Dipendenza da Internet” (IAD).
L’aspetto più particolare di Internet è dato dall’uso di identità fittizie, dal bisogno, cioè, di nascondersi dietro una maschera che permetta di sperimentare il proprio Io ideale in modo sicuro e senza ripercussioni nella vita reale (gli ambienti MUD sono il luogo ideale per poter giocare con l’identità).
Ho poi analizzato i vari modelli teorici che si sono succeduti nel tempo per spiegare la genesi della dipendenza da Internet: il modello neurobiologico, il modello ACE (accessibilità, controllo, eccitazione) della Young, il modello cognitivo-comportamentale di Davis, le due fasi di Cantelmi (tossicofilica e tossicomanica) e, infine, il modello di Nardone (comportamento compulsivo basato sul piacere).
Ho poi descritto, sulla base di varie ricerche, le due tipologie di soggetti più a rischio: il primo tipo con una pregressa psicopatologia, molto spesso con tratti autistici, ossessivo-compulsivi o con una dipendenza da sostanze; il secondo senza una pregressa psicopatologia quantomeno conclamata, ma che viene a trovarsi in particolari situazioni (isolamento, difficoltà psicologiche, ecc) o che è comunque attratto dal senso di controllo e di potere che la Rete offre. Inoltre la rete è il posto ideale per persone caratterizzate da una fragilità dell’Io, personalità ossessivo-compulsive e personalità con tratti narcisistico-onnipotenti.
Infine, ho esaminato i criteri e gli strumenti diagnostici dell’Internet-dipendenza, presentando, fra i primi, le proposte di vari ricercatori, a iniziare dallo stesso Goldberg e, fra i secondi, diversi questionari on-line, pur consapevole dei limiti oggettivi di tali strumenti.
Ho anche esposto alcuni percorsi terapeutici proposti da diversi ricercatori in base all’approccio teorico seguito, in quanto ancora oggi non vi è una definizione dell’IAD su cui tutti concordino.
Nella seconda parte del mio lavoro, ho dettagliatamente analizzato tutta la costellazione di disturbi che Cantelmi e Co. comprendono nella nuova categoria diagnostica chiamata “Internet Related Psychopathology” (IRP): la MUD addiction (dipendenza da giochi di ruolo on-line), la chat addiction (dipendenza dalle chat), la cyber relationship addiction (dipendenza da relazioni virtuali), la cybersexual addiction (dipendenza da sesso virtuale), il compulsive on-line gambling (gioco d’azzardo compulsivo on-line), il compulsive on-line shopping (shopping compulsivo on-line) e l’information overload addiction (dipendenza da eccessive informazioni).
Nella terza parte ho riportato uno studio italiano di Cantelmi e Co., volto a indagare le principali caratteristiche di personalità del potenziale Internet-dipendente, che ho personalmente seguito tenendomi in contatto tramite e-mail coi ricercatori e che mi è sembrato particolarmente serio e affidabile, soprattutto per le modalità di scelta del campione e di somministrazione dei tre differenti questionari, non più solo on-line ma con contatti diretti con gli intervistati.
Infine, nella quarta e ultima parte, ho voluto riportare una storia reale, venuta alla mia conoscenza, che mi sembra particolarmente emblematica, in quanto riflette tutti gli spunti e le ipotesi teoriche prese in esame in questo lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE "Internet è qui e ci rimarrà. Ma dato che corriamo tutti su questa autostrada informatica, assicuriamoci almeno di avere una buona visuale davanti a noi e di avere allacciato le cinture di sicurezza." Kimberly S. Young Cosa si intende per “Addiction” ”Addiction” è un termine inglese, ma di origine latina, che riflette l’etimologia della parola “schiavitù” (“addictus” in latino indicava chi si era reso “schiavo per un debito contratto con un padrone”): con esso si intende, infatti, la mancanza di capacità di controllare un impulso verso un oggetto o comportamento (“non poter fare a meno di”); si intende un disordine progressivo, cronico recidivante che, in genere, comprende compulsione, perdita di controllo ed uso continuativo di alcool, tabacco ed altre droghe, malgrado le conseguenze negative di tale consumo. Il disordine è primario, cioè non dipende da una malattia mentale; spesso sviluppa dipendenza fisica, tolleranza ed astinenza. G. P. Guelfi (Genova), in una relazione al Congresso “Addiction: una normale malattia” ha ribadito che i due elementi fondamentali (sintomi patognomonici) della patologia da dipendenza sono: 1) craving (desiderio incontrollabile di ripetere l’uso della sostanza); 2) drug-seeking behavior (comportamento compulsivo di ricerca della sostanza che si mette in pratica senza curarsi delle conseguenze).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

iad
internet addiction disorder
dipendenza da internet
internet related psychopathology

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi