Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Parziale caratterizzazione del gene men1 nel gatto

La sindrome MEN (Multiple Endocrine Neoplasia) è un perfetto esempio di malattia caratterizzata da alterazioni specifiche in determinate sequenze geniche in tutte le forme in cui si manifesta: MEN1, MEN 2 (suddivisa a sua volta in MEN 2A, MEN 2B e Familiar Medullary Thyroid Carcinoma).
La caratterizzazione della parte codificante, fino ad oggi sconosciuta, del gene MEN 1 nel gatto è il primo passo per indagare successivamente le eventuali alterazioni del gene in felini con sospetta sindrome MEN1 e per capire meglio la funzione di questo tratto genico.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE BIOLOGIA MOLECOLARE DEI TUMORI Il tumore � una neoformazione di tessuto caratterizzata dalla presenza di cellule atipiche e da un accrescimento autonomo, afinalistico e progressivo; ci� sta a significare che il suo accrescimento � svincolato dalle regole che normalmente lo governano, che avviene senza vantaggi per l'ospite e che possiede una tendenza alla proliferazione continua. Prima di parlare specificamente della Neoplasia Endocrina Multipla (MEN), oggetto di questa tesi, � opportuno richiamare alcuni concetti relativi alle caratteristiche ed alla patogenesi delle neoplasie, riassumendo brevemente quanto riportato da Cotran et al (1999). Tutte le neoplasie sono composte da due tessuti fondamentali: ™ il parenchima, formato da cellule di origine epiteliale o mesenchimale che hanno subito la trasformazione neoplastica. ™ lo stroma, di natura non-neoplastica. Le neoplasie possono essere classificate in benigne e maligne nonch� in base alla linea cellulare (epiteliale/mesenchimale) o al tessuto di origine. I tumori benigni tendono ad essere ben differenziati, hanno una crescita lenta (anche per mesi o anni) ed espansiva, sono incapsulati e non danno origine a metastasi; quelli maligni, al contrario, variano moltissimo nel loro grado di differenziazione (alcuni sono ben differenziati e sono strettamente somiglianti alle cellule ed al tessuto di origine mentre altri sono estremamente indifferenziati), mostrano una crescita invasiva, tanto da comprimere il normale tessuto che li circonda e causarne cos� la morte per necrosi o atrofia, non sono incapsulati e danno origine a metastasi molto frequentemente. La crescita dei neoplasmi maligni � varia: alcuni sono estremamente lenti ma altri, se non trattati, raggiungono rapidamente delle dimensioni considerevoli; inoltre tutto ci� avviene casualmente e senza nessun controllo. Il termine �metastasi� si riferisce alla diffusione di porzioni di tumori maligni in posizioni lontane rispetto all'origine dello stesso e pu� avvenire,

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Sabrina Boselli Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 904 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.