Skip to content

Studio nosografico dell'impegno cardiaco nelle malattie renali del cane

Informazioni tesi

  Autore: Emilia Forlani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Medicina Veterinaria
  Corso: Medicina Veterinaria
  Relatore: Alfredo Buonaccorsi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Nell’uomo è noto ormai da tempo l’impegno del sistema cardio-vascolare nelle malattie renali. Tra le nefropatie mediche quelle che rivestono interesse cardio-circolatorio sono la glomerulonefrite acuta, sia che si manifesti come sindrome nefritica che come sindrome nefrosica, la pielonefrite cronica, nosograficamente inquadrata nelle nefriti interstiziali, e l’insufficienza renale cronica da qualsiasi nefropatia provocata.
Alla luce delle analogie fisiopatologiche renali e cardiache esistenti tra uomo e cane e con l’ausilio delle più recenti acquisizioni forniteci dalla letteratura medica veterinaria e umana, proponiamo uno studio compilativo che prende in considerazione le suddette nefropatie, in relazione all’interesse che le stesse rivestono in ambito cardiologico, e che analizza i meccanismi patogenetici che inducono una sofferenza cardiaca nel cane.
In corso di glomerulonefrite acuta l’ipertensione altera la dinamica cardio-circolatoria tramite meccanismi che si succedono con regolarità: aumento del postcarico, ipertrofia ventricolare sinistra compensatoria di tipo concentrico con eventuale alterazione dell’integrità valvolare che può sfociare in scompenso cardiaco sinistro e rischio di morte per edema polmonare acuto; inoltre il processo può amplificarsi attraverso lo sviluppo di uno stato ipervolemico indotto dall’attivazione del sistema renina-angiotensina aldosterone, con conseguente aumento del precarico ventricolare, ulteriore aumento del lavoro cardiaco ed ipertrofia ventricolare eccentrica con possibilità di scompenso cardiaco “ad alta gittata”; l’anemia favorisce l’aumento della portata cardiaca contribuendo all’exitus finale.
In corso di malattia renale cronica l’anemia grave (pielonefrite cronica) induce ipossia miocardica, stimolazione del sistema nervoso simpatico con conseguente tachicardia, vasocostrizione periferica e aumento del postcarico; quando la lesione glomerulare interessa estesamente il parenchima renale l’ipertensione arteriosa contribuisce alla possibilità di indurre scompenso cardiaco.
In corso di insufficienza renale cronica, oltre all’ipertensione, all’ipervolemia e all’anemia che inducono possibilità di scompenso cardiaco, possono verificarsi gravi aritmie cardiache in conseguenza di squilibri elettrolitici, sindrome da “tamponamento cardiaco” nella fase uremica terminale dell’insufficienza renale cronica e calcificazioni pericardiche, miocardiche e coronariche conseguenti all’osteodistrofia renale che potrebbero essere causa di infarto del miocardio.
In conclusione l’ipertensione arteriosa, che scaturisce dalla malattia renale, riveste il ruolo patogenetico cardine nella progressione delle nefropatie mediche di interesse cardio-circolatorio e mantiene e aggrava le condizioni che sono alla base delle alterazioni strutturali e funzionali dell’apparato cardio-vascolare.
Si evince che tanto nell’uomo quanto di recente anche nel cane si raccomanda il controllo dell’ipertensione arteriosa anche per rallentare la progressione del danno renale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
______________________________________________________________ PREMESSA L’impegno del sistema cardiovascolare nelle malattie renali dell’uomo è noto ormai da tempo. Tali patologie risultano essere di cosi’ tale importanza da ripercuotersi gravemente sulla dinamica cardiocircolatoria fino a provocare scompenso cardiaco. Questa condizione complica le misure dietetiche e farmacologiche adottate nella terapia conservativa della malattia renale e la terapia sostitutiva, mediante emodialisi extracorporea o dialisi peritoneale, può determinare ulteriori disturbi elettrolitici aggravando le condizioni favorevoli al manifestarsi dello scompenso cardiaco. Le patologie renali maggiormente responsabili di fatti cardiocircolatori nell’uomo sono la glomerulonefrite acuta, sia che si esprima come sindrome nefritica che come sindrome nefrosica, la pielonefrite cronica, nosograficamente inquadrata nelle nefriti interstiziali e, l’insufficienza renale cronica da qualsiasi nefropatia provocata perché sono quelle che inducono le alterazioni ritenute le responsabili maggiori dal punto di vista patogenetico del venir meno della funzione cardiaca. Il ruolo patogenetico centrale, come vedremo, è svolto in tutte le situazioni nefropatiche citate, fin dall’inizio o negli stadi avanzati del danno renale,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

angiotensina
malattie del cane
malattie renali
patologie del cane
glomerulonefrite

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi