Skip to content

Sicurezza del volo – Impatto al suolo di un velivolo in regime di volo controllato (Cfit): analisi e prevenzione

Informazioni tesi

  Autore: Oscar Scimo'
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Aerospaziale
  Relatore: Giuseppe Surace
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

Nella definizione più ampia possibile, la sicurezza è la probabilità che non capitino guasti con possibili conseguenze catastrofiche , ossia danni a persone, a cose e al sistema stesso. Secondo questa definizione, dunque, la sicurezza delle operazioni di volo ha come obiettivo la massima salvaguardia dell’incolumità delle persone e dell’integrità delle cose nello svolgimento dell’attività aeronautica. La sicurezza implica la salvaguardia o la protezione da eventi o circostanze generalmente indipendenti da precise volontà (eventi quindi accidentali) che comportano alta potenzialità lesiva in funzione del tipo di attività svolta. L’attività di volo è, per ragioni evidenti, caratterizzata da elevata potenzialità lesiva in caso di evento accidentale, pertanto la sicurezza è il risultato di un’adeguata prevenzione di tali eventi.
Si parla molto di Sicurezza del Volo e spesso ci si domanda per quale motivo essa rivesta una così grande importanza tra gli obiettivi prioritari dell’attività aeronautica.
Gli incidenti aerei sono suddivisi in vari tipi a seconda delle cause che li originano o della fase di volo nella quale avvengono e ciascuno di questi tipi ha una diversa influenza sul numero totale di incidenti.
Questa tesi di laurea tratta l’analisi di una determinata categoria di incidenti aerei, quelli di tipo CFIT (Controlled Flight Into Terrain), che risultano essere i più numerosi tra le varie tipologie di incidente.

Nel primo capitolo, partendo dalle statistiche stilate dalla Flight Safety Foundation con l'aiuto del Boeing Commercial Airplane Group, vengono analizzate le cause ed i fattori che più spesso conducono ad un incidente. Da queste statistiche si può notare come il rateo degli incidenti sia rimasto pressoché costante dall'inizio degli anni settanta fino ai giorni nostri. Questo è un indice molto importante in quanto pone l'attenzione sul fatto che se nei prossimi anni, come è nelle previsioni e nonostante la diminuzione del volume del traffico aereo in seguito ai tragici fatti del settembre 2001, ci sarà un massiccio aumento del traffico aereo (secondo la Boeing esso dovrebbe raddoppiare nei prossimi 15 anni), il numero totale degli incidenti raddoppierà. Bisogna dunque iniziare fin da oggi ad intraprendere una campagna di prevenzione notevolmente diversa da quella attuata finora, altrimenti si giungerà alla situazione di avere, in media, un incidente alla settimana. Nello stesso capitolo viene poi fornita la definizione e una breve analisi statistica degli incidenti CFIT.

Nel secondo capitolo, vengono presi in esame ed analizzati i rapporti finali di due incidenti, tra quelli considerati da molti enti internazionali per la sicurezza tra i più significativi incidenti CFIT (Cali, dicembre 1995 e Guam, agosto 1997). Per ciascun incidente vengono riportati la storia, le osservazione tecniche, le cause ed i fattori determinanti, le raccomandazioni emanate dalle autorità investigative e gli eventuali chiarimenti.

Nel terzo capitolo viene proposta un’analisi degli incidenti di tipo CFIT che hanno coinvolto gli operatori aeronautici commerciali. Essa è stata realizzata dal Laboratorio Nazionale Aerospaziale d’Olanda (NLR) basandosi sull’analisi di 156 incidenti di tipo CFIT avvenuti nel mondo tra il 1988 e il 1994 e scopre che le fasi di discesa e di avvicinamento all’atterraggio costituiscono il 70% dei casi esaminati e che il 75% dei velivoli incidentati e dei quali si conoscono i dati era privo di un sistema di avviso di prossimità del suolo (GPWS). La ricerca è stata condotta in collaborazione con l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo (IATA) e l’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO) ed ha lo scopo di ridurre gli incidenti CFIT del 50%.

Il quarto capitolo contiene una panoramica degli attuali metodi per la prevenzione e riduzione degli incidenti CFIT. In questo capitolo vengono descritti ed analizzati alcuni di questi apparati evidenziandone le manchevolezze ed i benefici. Particolare attenzione viene posta sull’uso del GPWS e delle procedure (checklist), riportate nelle appendici in fondo al volume, elaborate per la prevenzione e riduzione del rischio di incidente CFIT. Vengono anche analizzati i sistemi per la visione artificiale, i problemi connessi all’interpretazione e all’elaborazione, da parte dell'uomo, della realtà esterna comprese le illusioni ottiche e quelli connessi all'automazione avanzata che rappresenta ormai sugli aerei moderni una componente di grande aiuto sia nel pilotaggio che nella navigazione ma che è fonte di innumerevoli errori.

Nel quinto ed ultimo capitolo vengono illustrate le conclusioni di questo lavoro che è stato molto lungo in termini di ricerca del materiale sia per la specificità dell’argomento trattato, sia per quanto riguarda la disponibilità e la reperibilità di documenti da aziende ed enti vari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nella definizione più ampia possibile, la sicurezza è la probabilità che non capitino guasti con possibili conseguenze catastrofiche , ossia danni a persone, a cose e al sistema stesso 1 . Secondo questa definizione, dunque, la sicurezza delle operazioni di volo ha come obiettivo la massima salvaguardia dell’incolumità delle persone e dell’integrità delle cose nello svolgimento dell’attività aeronautica. La sicurezza implica la salvaguardia o la protezione da eventi o circostanze generalmente indipendenti da precise volontà (eventi quindi accidentali) che comportano alta potenzialità lesiva in funzione del tipo di attività svolta. L’attività di volo è, per ragioni evidenti, caratterizzata da elevata potenzialità lesiva in caso di evento accidentale, pertanto la sicurezza è il risultato di un’adeguata prevenzione di tali eventi. Si parla molto di Sicurezza del Volo e spesso ci si domanda per quale motivo essa rivesta una così grande importanza tra gli obiettivi prioritari dell’attività aeronautica. Le ragioni per le quali si persegue una sempre maggiore Sicurezza del Volo sono essenzialmente di ordine: morale/umano; economico; operativo. 1 Chiesa Prof. Sergio, Affidabilità, Sicurezza e Manutenzione nel Progetto dei Sistemi, p. 11, Torino, Italia, Edizioni C.L.U.T., 1990

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aerei
cfit
incidenti aerei
sicurezza del volo
controlled flight into terrain
sicurezza aerea
aeronautica
aerospaziale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi