Skip to content

Tra retorica e storia: la metahistory di Hayden White

Informazioni tesi

  Autore: Dario Carmassi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Alfonso Iacono
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 282

Revisionismo e Narrativismo. L'uso degli strumenti retorici e narratologici nella scrittura della storia così come è stato proposto dal filosofo americano Hayden White.
Il dibattito sorto attorno a tale teoria e le eventuali soluzioni. Le posizioni di Momigliano, Ginzburg e Ricoeur.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 5 INTRODUZIONE Questa tesi si propone di analizzare l’opera del filosofo della storia Hayden White 1 , in particolare relativamente alle modalità di conoscenza del passato tramite la “teoria formale dell’opera storica” che egli ha indicato. Considerare - come White fa - ogni prodotto storiografico esclusivamente 1 Hayden White è nato nel 1928. È stato professore di History of Consciousness presso l’università della California a Santa Cruz; ha lavorato inoltre come Bonsall Professor presso l’università di Stanford e come Exchange Professor nelle università di Venezia e di Bologna. I suoi primi studi vertono sulla cultura europea e italiana del rinascimento e moderna, ma si è occupato anche di filosofia della storia, teoria letteraria e storia letteraria; il suo primo intervento data 1956 e riguarda Collingwood e Toynbee (Collingwood and Toynbee: Transitions in English Historical Thought, English Miscellany, vol. 7, 1956, pp. 147-178). Il primo articolo in cui egli propone il narrativismo come risposta ai problemi esistenti nella teoria della storiografia è The Burden of History, del 1965, apparso sulla rivista Tropics. Le sue prime apparizioni su volume sono degli anni sessanta, come co-autore di due libri sulla storia intellettuale dell’Europa occidentale (H. White, W. Coates, J. S. Schapiro, The Emergence of Liberal Humanism. An Intellectual History of Western Europe, voll. 2, New York, 1966-1968). Negli stessi anni collabora con alcune riviste di Storia (Journal of the History of Ideas, The Journal of Modern History e History and Theory). Nel 1969 è co-editore di un simposio internazionale su Giambattista Vico, a cura di Giorgio Tagliacozzo (G. Tagliacozzo, Giambattista Vico: An International Symposium, Baltimora e Londra, 1969); nello stesso volume si trova inoltre un suo importante contributo (What is Living and What is Dead in Croce's Criticism of Vico, pp. 379-389) nel quale affronta, relativamente alla filosofia della storia, le posizioni di Croce e Vico, filosofi centrali per lo sviluppo del pensiero di White (cfr. cap. II di questa Tesi). Nel 1973 pubblica i suoi primi due libri: The Greco-Roman Tradition, New York, 1973 e, soprattutto, il fondamentale Metahistory. The Historical Imagination in Nineteenth- Century Europe, Baltimora e Londra, 1973. In Metahistory White espone le linee fondamentali della sua visione storiografica, riconducendo la Storia alla sua scrittura e la conoscenza del passato al tentativo di fornire un’immagine verbale del passato stesso, approfondendo così il nascente interesse intorno ai rapporti tra storiografia e narrazione (cfr. il primo capitolo di questa tesi). Dal 1973 al 1978, anno della pubblicazione del suo successivo libro, sono numerosi gli interventi su riviste, specialmente History and Theory e New Literary History. Nel 1978 pubblica Tropics of Discourse. Essays in Cultural Criticism, Baltimora e Londra, 1978, in cui sviluppa ulteriormente le tesi narrativiste, approfondendo in particolar modo il legame che l’attività storiografica tesse con la retorica. Quattro anni più tardi, nel 1982, è co-autore di un testo su Burke ( H. White e M. Brose, Representing Kenneth Burke, Baltimora e Londra, 1982, ibidem prefazione di H. White, pp. VII-IX.). Nel 1987 White raccoglie alcuni suoi importanti saggi, usciti tra la fine degli anni settanta e gli anni ottanta, in The Content of the Form: Narrative Discourse and Historical Representation, Baltimora e Londra, 1987. L’aspetto della forma assunta dalla narrazione storica diventa il punto focale su cui White riflette: essa, lungi dall’essere ininfluente, è anzi il momento essenziale di qualsiasi studio sul passato. Anche durante tutti gli anni novanta White continua a pubblicare articoli ampliando e approfondendo le tematiche narrativiste. L’ultimo libro pubblicato da White è del 1999 (Figural Realism. Studies in the Mimesis Effect, Baltimora e Londra, 1999). Egli è attualmente Presidential Professor of Historical Studies presso l’università di Santa Cruz.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

hayden white
linguistic turn
retorica
revisionismo
storia
storicismo
storiografia
filosofia politica
paul ricoeur
carlo ginzburg
metahistory
metastoria
arnaldo momigliano
narratologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi