Skip to content

La minoranza tedesca in Cecoslovacchia e i suoi rapporti con la Germania nazista (1933-1939)

Informazioni tesi

  Autore: Federica Donnini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Francesco Perfetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 241

L’Europa orientale fra le due guerre mondiali è l’Europa delle minoranze nazionali. Mescolati e intrecciati sul territorio da secoli di storia, slavi, magiari, rumeni, ebrei e tedeschi non costituivano dei blocchi nazionali omogenei che si prestavano facilmente alla divisione.
Applicare il principio di autodeterminazione dei popoli su di una realtà in cui varie Nazioni vivevano l’uno a fianco all’altra condividendo lo stesso territorio, come fecero le potenze occidentali a Versailles nel 1919, era molto pericoloso in quanto dava vita non solo a stati nazionali, ma anche a numerose minoranze, come quella tedesca di Cecoslovacchia.
I tedeschi dei Sudeti, che da secoli regnavano su una delle regioni più ricche e prospere dell’Impero asburgico, si trovarono improvvisamente a passare dalla condizione di ‘dominanti’ a quella di ‘dominati’ perdendo per sempre la loro posizione privilegiata. Le conseguenze di tale situazione si fecero sentire a livello politico, economico, sociale, psicologico. Penalizzata dalla perdita dei mercati tradizionali dell’impero austro-ungarico e dalle riforme agrarie cecoslovacche, la precaria situazione dell’economia sudeta fu ulteriormente aggravata dalla crisi mondiale del 1929.
Si vennero così a creare le condizioni migliori per lo sviluppo e la proliferazione del movimento nazionalista che, in una regione come quella boemo-morava, dove i cechi e i tedeschi si contrapponevano da tempi immemorabili, era presente e attivo da molto tempo.
Tuttavia nazionalismo e nazismo sono due cose distinte e separate e anzi qui la questione sta proprio nel verificare se i nazionalisti sudeti fossero anche nazisti e se si possa parlare del partito tedesco dei sudeti come quinta colonna, vale a dire come di uno strumento della politica espansionista nazista verso l’Europa orientale.
Per verificare questa ipotesi, dopo un breve excursus sulle origini e sulle condizioni politiche, economiche e sociali dei sudeti fra le due guerre (capitolo primo), si è passati ad analizzare la natura e la storia del movimento nazionalista tedesco in Cecoslovacchia (capitolo secondo) e il rapporto che lo legava alla Germania delle associazioni dei tedeschi all’estero (capitolo terzo). In particolare ci si è voluti soffermare su come i nazisti tedeschi si siano inseriti in questo rapporto (capitolo terzo e quarto) e quali conseguenze abbia avuto questo interessamento sul destino dei sudeti e dell’Europa tutta (capitolo quarto e quinto).
Lo studio si è avvalso di numerose fonti, reperite in gran parte presso due dei più importanti istituti di ricerca tedeschi per la storia dei Sudeti e della Cecoslovacchia, il Sudetendeutsches Archiv e il Collegium Carolinum, entrambi con sede a Monaco di Baviera.
Si tratta di fonti sia bibliografiche, soprattutto tedesche e ceche (ma anche italiane, come il prezioso contributo del Leoncini sui Sudeti), sia primarie, quali i discorsi di Henlein, i documenti pubblicati dal ministero degli esteri cecoslovacco e da quello tedesco, le riviste sudete del periodo considerato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’Europa orientale fra le due guerre mondiali è l’Europa delle minoranze nazionali. Mescolati e intrecciati sul territorio da secoli di storia, slavi, magiari, rumeni, ebrei e tedeschi non costituivano dei blocchi nazionali omogenei che si prestavano facilmente alla divisione. Applicare il principio di autodeterminazione dei popoli su di una realtà in cui varie Nazioni vivevano l’uno a fianco all’altra condividendo lo stesso territorio, come fecero le potenze occidentali a Versailles nel 1919, era molto pericoloso in quanto dava vita non solo a stati nazionali, ma anche a numerose minoranze, come quella tedesca di Cecoslovacchia. I tedeschi dei Sudeti, che da secoli regnavano su una delle regioni più ricche e prospere dell’Impero asburgico, si trovarono improvvisamente a passare dalla condizione di ‘dominanti’ a quella di ‘dominati’ perdendo per sempre la loro posizione privilegiata. Le conseguenze di tale situazione si fecero sentire a livello politico, economico, sociale, psicologico. Penalizzata dalla perdita dei mercati tradizionali dell’impero austro-ungarico e dalle riforme agrarie cecoslovacche, la precaria situazione dell’economia sudeta fu ulteriormente aggravata dalla crisi mondiale del 1929.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cecoslovacchia
minoranze tedesche
sudeti
nazismo
storia contemporanea
storia della cecoslovacchia
partito nazionalsocialista
konrad henlein
sudetendeutsche partei
conferenza di monaco
annessione dei sudeti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi