Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il comando del dipendente nella giurisprudenza

Il comando del dipendente nel ramo del diritto del lavoro privato è una creazione giurisprudenziale funzionale allo sviluppo di realtà aziendali sempre più complesse e articolate. La recente riforma Biagi ha introdotto nel nostro ordinamento la nuova disciplina del comando o distacco, mutuandola dalle numerose pronunzie giurisprudenziali che hanno definito i confini di questo istituto. La mia tesi nasce e si sviluppa in un periodo antecedente alla riforma Biagi ma può oggi essere letta per capire, attraverso l'evoluzione giurisprudenziale, l'importanza che questo istituto riveste nei gruppi di imprese e il particolare processo di creazione di una fattispecie astratta dal reale atteggiarsi della fattispecie concreta.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il comando del dipendente nella giurisprudenza 4 I capitolo Le caratteristiche generali del comando 1.1. Descrizione dell’istituto Il comando o distacco consiste nell’invio del lavoratore da parte del datore di lavoro presso altra azienda per svolgere un’attività lavorativa a favore dell’altro imprenditore senza, per questo, sciogliere o sospendere il rapporto di lavoro. In questa situazione, l’altro non beneficia di una qualche prestazione resa dal dipendente dell’impresa inviante (ad es. nel caso in cui un’impresa invii un operaio a fare una riparazione presso altra impresa), ma nel distacco, come tale, l’altro imprenditore beneficia in toto dell’apporto lavorativo e quindi ha tutti i poteri naturali del datore di lavoro all’interno di un rapporto. Il distacco non altera i termini soggettivi del rapporto, non realizzando alcuna sostituzione fra il datore di lavoro e il terzo beneficiario della prestazione. La conseguenza è una modificazione del contenuto oggettivo del rapporto stesso, mutando le modalità d’esecuzione dell’obbligazione lavorativa gravante sul lavoratore, che la adempirà nei confronti del soggetto presso cui è stato comandato e non nei riguardi del suo datore di lavoro.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Mignoni Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9946 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.