Skip to content

La Repubblica di Salò attraverso le pagine del Corriere della Sera: gli eventi, le cronache, i commenti

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Mazzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Cosimo Ceccuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

La vera e propria direzione fascista del Corriere della Sera comincia il 6 ottobre 1943 quando Ermanno Amicucci viene chiamato alla guida del quotidiano. Tale incarico era stato stabilito durante la prima riunione del nuovo governo repubblicano fascista svoltasi alla Rocca delle Caminate il 27 settembre. Amicucci lascerà la direzione nel momento stesso in cui il Duce troverà la morte, nell’aprile ’45.Nello svolgere il mio lavoro ho fatto in modo che la cronologia degli eventi del periodo della Repubblica di Salò (settembre’43–aprile’45) costituisse lo scheletro del volume, attorno al quale poi costruire la storia ed i commenti di quanto accadeva. L’obiettivo è quello di capire se in tale periodo il Corriere della Sera è stato “semplicemente” un giornale di regime oppure se, nello sfogliare le pagine del giornale, è possibile cogliere qualche aspetto che non lo renda mero foglio notizie di Salò. Se anche il quotidiano non ha mai apertamente e pesantemente criticato le molte parole ma i pochi fatti messi assieme dal nuovo regime, non si può dire che il Corriere della Sera sia stato solo la voce di Salò. Oltretutto, un tema, un ambizioso progetto, alle volte in maniera nascosta, alle volte in forma marcata, sembra presenziare sulle pagine del giornale per tutto il periodo indicato: la riconciliazione. Il caso più eclatante è quello di Carlo Silvestri che sotto le anonime vesti de “Il Giramondo” riesce a far pubblicare sul giornale, nella primavera del ’44, ben quindici articoli che hanno per filo conduttore proprio la possibilità che fascisti ed antifascisti si uniscano per salvare la Patria. Silvestri, grazie al tormentato ma costante rapporto avuto col Duce, riesce ad avere uno spazio di tutto rispetto sulla prima pagina del quotidiano e ne approfitta per colpire sia gli ingenui antifascisti che i traditori del 25 luglio, lodando la coerenza del Duce e la fedeltà mostrata dai tedeschi, nella speranza che proprio Mussolini, con al fianco sempre la Germania, sia il leader della futura unica coalizione italiana. Se già questo piano contiene degli aspetti contraddittori, l’intricato e difficile lessico usato dal giornalista rendono il suo sforzo del tutto vano, anche se degno di particolare attenzione. Infatti, un opinionista della qualità di Edmondo Cione riproporrà con spavalderia e coraggio lo stesso tema alle soglie della caduta (febbraio ’45), così come già nell’ottobre del ’43 si erano alzate le prime voci per una riconciliazione che permettesse salva la vita alla martoriata Patria. Nei cinque capitoli che costituiscono il mio lavoro ho dunque seguito l’evolversi dei fatti attraverso le cronache ed i commenti riportati dal giornale con l’ausilio di qualche “exurcus” storico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE L’ultima fase sulla scena pubblica vissuta dal Duce è racchiusa in un numero: 25. Nelle primissime ore del 25 luglio 1943 il Gran Consiglio del Fascismo sfiduciava Mussolini con l’approvazione dell’ordine del giorno Grandi; recatosi dal Re sicuro che anche questa volta il Sovrano sarebbe venuto in suo soccorso, Mussolini fu non solo destituito dalla sua carica di capo del Governo, ma fu anche arrestato e trasferito in giro per l’Italia attraverso vari nascondigli. La mattina del 25 aprile 1945 Milano (nella cui prefettura viveva da pochi giorni il Duce) si era svegliata in maniera diversa: per le strade si vedevano poche persone, i tedeschi se la davano a gambe, mentre fascisti e partigiani ingaggiavano cruenti scontri a fuoco. Non era la solita giornata di guerra, era qualcosa di diverso: era la libertà! Ancora battaglie, rappresaglie e sparatorie, ma il Duce era in fuga e troverà la morte sulla via per la Valtellina. Con questo lavoro mi sono proposto quindi di vedere come il principale quotidiano italiano abbia trattato la nascita, la lunga agonia ed infine la capitolazione dell’ultima fatica di Mussolini, la Repubblica Sociale Italiana. L’obiettivo non è tanto quello di fare una semplice cronaca degli eventi (la quale, comunque, costituisce giocoforza la spina dorsale del lavoro), bensì quello di sfogliare il quotidiano e notarne gli atteggiamenti, le prese di posizione, le parole usate per commentare i fatti di quel periodo. E provare a rispondere ad una domanda: il Corriere della Sera lascia qualche spiraglio alla libertà d’espressione e di critica nei confronti del Governo o si presenta in tutto e per tutto come un giornale di regime? Tra le

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi