Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hedge fund: profili peculiari di un investimento alternativo

Con la tesi ho voluto rivolgere l’attenzione su interessanti, ma poco popolari veicoli di investimento, conosciuti con il nome di Hedge Fund.
È arduo descrivere in poche parole la sua struttura e le sue peculiari attività a causa della sua enorme complessità di funzionamento.
Vale la pena comunque, sottolineare come la sua attività principale sia quella di Trading e come questa lo renda unico nel panorama borsistico mondiale.
Si parla infatti di un “Core Business” fortemente innovativo e dinamico che permette di generare rendimenti tendenzialmente positivi in ogni condizione di mercato, utilizzando strumenti finanziari che i tradizionali operatori finanziari non possono permettersi.
Tra questi strumenti possiamo evidenziare l’uso innovativo e spinto del Leverage per incrementare i profitti, la vendita allo scoperto e abili innovative strategie di investimento.
L’Hedge Fund Industry si è sviluppata prevalentemente negli Stati Uniti e nei paradisi fiscali Off Shore, mentre in Europa essa si trova ancora nella fase embrionale. Essi comunque operano su tutti i mercati finanziari mondiali alla ricerca costante di margini operativi su cui operare.
In questa tesi saranno analizzate tutte le strategie usate, la Style Analysis, l’Hedge Fund inserito in un portafoglio di investimento e la sua storia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I STRUTTURA DELL’HEDGE FUND INDUSTRY 1. COS’è L’HEDGE FUND? Hedge Fund è il termine usato per identificare qualsiasi fondo che non risulti rientrare in termini di strategia d’investimento e di rapporto tra investitori e gestori nelle convenzionali definizioni di fondi d’investimento, pur conseguendo anch’esso un obiettivo di crescita della ricchezza degli investimenti. La genialità di questi strumenti consiste nella possibilità che essi hanno di sfruttare qualsiasi tipo di strategia e di strumento finanziario che il mercato mette a disposizione. Il termine “Hedge” che letteralmente significa "copertura" sintetizza molto bene l'idea di Jones, cioè colui che per primo avviò un Hedge Fund, la cui gestione era basata su strategie volte a salvaguardare le performances dei suoi investimenti dall'andamento negativo dei mercati. Il modello di Jones sfruttava l'incapacità del mercato di prezzare i titoli giocando sul cosiddetto mispricing tra azioni sovraquotate e azioni sottoquotate: acquistava le prime attraverso i finanziamenti ricevuti dalla vendita allo scoperto delle seconde, si abbinava così ad un tradizionale portafoglio long only sia la tecnica short selling 1 , sia l’uso del leverage 2 . Questa tecnica di copertura agiva in modo tale che la performance del portafoglio fosse il risultato del mispricing dei titoli e non l’effetto dell'andamento generale del mercato. Infatti, qualunque fosse la direzione intrapresa da quest’ultimo, la contemporanea presenza di posizioni lunghe e corte 3 neutralizzava gli effetti del andamento del mercato stesso sulle performances del fondo. Oggi grazie allo sviluppo delle tecniche finanziarie, il modo di copertura delle performances di un portafoglio dai rischi di mercato sono numerose, ma nonostante gli strumenti finanziari si siano evoluti l'idea base di Jones rimane ancora oggi valida ed è possibile riassumerla in questi termini: essa consiste nell'assumere una posizione 1 Short Selling è la vendita allo scoperto cioè la vendita di titoli non posseduti. 2 Leverage: rappresenta il grado di indebitamento conseguito per aumentare il capitale da investire. 3 Per posizione lunga si intende l’insieme di titoli in portafoglio, per posizione corta si intendono gli scoperti tecnici

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Cinti Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7410 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.