Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di ''nuove prove'' ai fini della revisione

L'istituto della revisione costituisce tradizionalmente uno dei più delicati punti di equilibrio del nostro sistema processuale penale, perché attraverso la sua disciplina, il nostro ordinamento mira a realizzare una non facile mediazione tra la tendenza autoconservativa del giudicato e la necessità di verificare l'ipotesi di errore giudiziario, così da scongiurare il pericolo che al rigore delle forme siano sacrificate le esigenze di giustizia e verità reale.
Precisato, dunque, che fondamento dogmatico della revisione è quello di dare priorità alle esigenze di giustizia sostanziale, la lettera c) dell'art. 630 c.p.p., disciplina la più classica ipotesi di revisione, quella di sopravvenienza e scoperta di "nuove prove" che da sole o unite a quelle già valutate, dimostrano che il condannato debba essere prosciolto ai sensi dell'art. 631 c.p.p.
In particolare, negli ultimi capitoli della tesi, la novità probatoria viene posta a confronto con l'analisi di alcuni casi specifici, tra cui il "caso Sofri".

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO LA REVISIONE QUALE MEZZO D’IMPUGNAZIONE STRAORDINARIA SOMMARIO: 1. Premesse definitorie e fondamento dogmatico. – 2. Condanne soggette a revisione. – 3. Casi di revisione. – 3.1 (segue) Inconciliabilità dei fatti stabiliti a fondamento della condanna con quelli accertati in altra sentenza penale irrevocabile del giudice ordinario o speciale. – 3.2 (segue) Inconciliabilità della condanna con la sentenza civile o amministrativa, successivamente revocata, che ne abbia costituito il presupposto. – 3.3 (segue) Sopravvenienza o scoperta di nuove prove. – 3.4 (segue) Condanna pronunciata in conseguenza di falsità in atti o in giudizio ovvero di altro fatto previsto dalla legge come reato. – 4. Limiti della revisione. – 5. Soggetti legittimati e forma della richiesta. – 6. Declaratoria d’inammissibilità. – 7. Giudizio di revisione. – 8. La sentenza. – 9. I limiti alla riproponibilità della richiesta. – 10. Gli effetti: la riparazione dell’errore giudiziario. – 11. Le altre azioni risarcitorie a favore della vittima dell’errore giudiziario. – 12. Brevi riflessioni sull’errore giudiziario: il caso Barillà. 1. Premesse definitorie e fondamento dogmatico. L’istituto della revisione costituisce tradizionalmente uno dei più delicati punti di equilibrio del nostro sistema processuale penale, perché, attraverso la sua disciplina, l’ordinamento mira a realizzare una non facile mediazione tra la tendenza autoconservativa del giudicato e la necessità di verificare l’ipotesi dell’errore giudiziario 1 , così da scongiurare il pericolo che al rigore delle forme siano sacrificate le 1 DEAN, La revisione, in Gaito (a cura di), Le impugnazioni penali, II, Torino 1998, p. 795; a tal proposito, in generale, v. AUGENTI, Lineamenti del processo di revisione, Padova, 1949, p. 1; CRISTIANI, La revisione del giudicato nel sistema del processo penale italiano, Milano, 1970, p. 79; JANNITTI PIROMALLI, La revisione dei giudicati penali, Roma, 1947, p. 20; NORMANDO,

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mirko Massimo Petrachi Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5557 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.