Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie per il controllo di ammissione in reti a servizi differenziati

SOMMARIO DELLA TESI

L’avvento di nuovi servizi ed applicazioni multimediali e la crescita vertiginosa degli utenti che hanno accesso alla rete, hanno fatto del problema della Qualità del Servizio (QoS) in Internet uno dei principali temi di ricerca e sviluppo degli ultimi anni.
Applicazioni come VoIP (Voice over IP), Video Conferenza, VoD (Video on Demand), ecc.
richiedono stringenti richieste di QoS e di banda; l’Internet attuale non è in grado di gestire in modo efficiente queste applicazioni.
Questo lavoro di tesi si inquadra nel contesto di un progetto europeo per lo sviluppo di un’architettura modulare per la fornitura dei servizi a qualità garantita (CADENUS: Creation And Deployment of End-User Services in Premium IP Networks).
Lo scopo della tesi è inizialmente quello di individuare un insieme di parametri utili ad identificare senza ambiguità diversi livelli di QoS, in maniera tale da permettere la contrattazione di precisi livelli di servizio tra gli utenti ed i gestori della rete. Successivamente è stata effettuata una fase di studio tesa a tradurre un servizio così descritto, in termini quantitativi di risorse di rete necessarie alla sua applicazione sulla rete. Data l’aleatorietà connessa ad una serie di parametri in gioco, non è sempre possibile operare questa traduzione in maniera deterministica. Si è dunque proceduto alla ricerca di una serie di bound per queste risorse attraverso l’uso di modelli analitici e statistici. Dei bound individuati è stato valutato il livello di effettiva applicabilità in scenari reali ed, attraverso l’uso di un ambiente per la simulazione delle reti a commutazione di pacchetto, la loro qualità. La parte finale del lavoro è consistita nella definizione ed implementazione di un algoritmo per effettuare l’admission control facendo uso dei modelli scelti ed alla sua validazione, sempre attraverso simulazioni di scenari reali.
Un’intensa ricerca è stata fatta per individuare dei modelli per la stima di: Packet Loss Probability (PLP), Delay, Jitter e Troughput.
I risultati delle simulazioni sono stati elaborati (attraverso procedure scritte in OTCL) per estrarre la PLP, il Delay ed il Jitter effettivamente sperimentato dalle sorgenti. Da tali dati è stato possibile quantificare la bontà dell’algoritmo.
Gli scenari simulati realizzati hanno contemplato un insieme eterogeneo di casistiche a complessità crescente. Tra i parametri variabili nelle diverse configurazioni ci sono: dimensione del buffer delle code, numero dei nodi della rete, topologia, banda disponibile sui link.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Internet nasce negli anni ’70 con lo scopo originario di garantire comunicazioni stabili ed efficienti tra le sedi delle forze armate statunitensi oltre che tra le università e i centri di ricerca che lavoravano a progetti di natura militare. Col tempo, si è evoluta in una rete prettamente universitaria e oggi, dopo l'avvento dell'interfaccia grafica che ne facilita la navigazione, sta diventando uno strumento di massa, aperto alla divulgazione di notizie e alla vendita di prodotti e servizi (anche se questo tipo di attività non è ancora diffusa in molte delle sue aree). La rapidità con cui si è evoluta Internet è stata sconcertante. Basti pensare che nel giro di soli dieci anni, grazie alla crescita del mondo tecnologico cui è indissolubilmente legato, ha visto esplodere in maniera esponenziale sia la quantità di risorse connesse che il numero di attività. Questo ha portato ad una sempre più crescente esigenza nella domanda di accesso alle risorse distribuite, inducendo ad un affannoso adeguamento delle strutture informatiche atte sostenerla. Oggi, d’altra parte, il mondo dei computer ha raggiunto livelli di maturazione così elevati da fornire capacità elaborative molto alte a basso costo (economia di scala) favorendo la nascita e lo sviluppo di numerose applicazioni cosiddette “multimediali”. Ciò ha spinto il mercato di Internet all’idea di sviluppare nuovi servizi che possano fornire tali contenuti multimediali sfruttando il mezzo Internet, come, ad esempio, la trasmissione del traffico telefonico (Voice over IP - VoIP), o la trasmissione di stazioni radio, video on demand, video conferenza, ecc.; andando sempre più nella direzione dell’integrazione dei diversi mezzi di comunicazione. Quindi, le reti di comunicazione, sia fisse che mobili, stanno convergendo verso un'unica infrastruttura per il trasporto di dati, voce e video basata sul protocollo IP. La tecnologia a pacchetto IP, nata per la trasmissione dei soli dati,

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Salvatore Olgato Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 948 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.