Skip to content

I prezzi predatori e la concorrenza

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Mammina
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Davide Sarti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

Il processo concorrenziale genera vincitori e vinti. Le imprese lottano, in un sistema di libero mercato, per la sopravvivenza e la supremazia all’interno del loro settore industriale o mercato. La fortuna di un’impresa è data dalla capacità di interagire con il proprio ambiente e ritagliarsi una posizione di vantaggio sui concorrenti sostenibile nel lungo periodo. Per fare ciò, l’operatore economico deve valutare le proprie azioni misurandone gli effetti sulla struttura industriale e l’utilità attesa anche in considerazione del fatto che essi inneschino effetti negativi sui concorrenti, o conducano a fenomeni di cooperazione con essi. Tale tipo di comportamento è generalmente definito “strategico”.
Il comportamento strategico rientra nella categoria dei comportamenti unilaterali dell’impresa, ossia dei comportamenti che non sono il risultato di un’intesa con i concorrenti. Tale tipo di comportamento posto in essere da un’impresa dotata di potere di mercato ed in contrasto con le norme di diritto antitrust è detto anticoncorrenziale, escludente o predatorio: “è predatorio il comportamento strategico unilaterale che esclude i concorrenti dal mercato per monopolizzarlo artificialmente o per conservare, sempre artificialmente, la posizione monopolistica già conquistata” .
Il comportamento unilaterale crea il problema, nel diritto della concorrenza, di individuare il fattore che segna il passaggio dalla classe della concorrenza sui meriti alla patologia della predazione. Questo problema caratterizza tutta la disciplina dei comportamenti anticoncorrenziali: l’intera Section 2 dello Sherman Act e parte della Section 2 del Clayton Act negli Stati Uniti; la parte più rilevante dell’art. 82 del Trattato CEE e di tutte le analoghe disposizioni nazionali dei paesi dell’Unione (in Italia l’art. 3 legge n. 287/1990); un segmento importante delle discipline in tema di concorrenza sleale (nel nostro diritto la parte dedicata agli atti contrari alla correttezza professionale: art. 2598, n. 3 c.c.); nonché le varie discipline specifiche sulla vendita sotto costo (in Italia, l’art. 15 del d. lgs. 31 marzo 1998, n. 114).
Un punto d’attacco quasi obbligato al problema dei comportamenti unilaterali è costituito dal tema del presente lavoro: il predatory pricing. La pratica è tradizionalmente considerata l’archetipo del comportamento predatorio: di fronte alla vendita in perdita operata dall’impresa in posizione dominante è facile assumere di trovarsi dinanzi ad un comportamento dettato dall’intenzione di eliminare i concorrenti dotati di minori capacità finanziarie. Il problema si pone nel momento in cui si debba determinare il concetto, tipicamente economico, di “vendita in perdita” necessario ad individuare lo spartiacque tra la pratica predatoria e concorrenza sui meriti. Il tema pertanto richiede lo sviluppo di specifiche argomentazioni scientifiche che possano essere maneggiate dai giuristi. Tale fenomeno ha creato un vivace circuito d’interscambio tra esperienza giuridica e scienza economica, sviluppatosi in maniera peculiare negli Stati Uniti.
L’analisi della letteratura giuseconomica sul tema dei prezzi predatori risulta, pertanto, un passaggio obbligato per gli approfondimenti critici dedicati all’ordinamento comunitario e a quello nazionale. Ed è per questo che, nel presente lavoro, è stato dedicato un capitolo importante all’analisi economica del tema, senza la quale sarebbe risultata complessa la comprensione dei criteri di giudizio adottati dalle autorità nazionali e comunitarie.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ALCUNE NOZIONI PRELIMINARI 1.1 . Premessa. Il diritto comunitario della concorrenza prevede tre fattispecie oggetto della disciplina: a) le intese tra (due o più) imprese (art. 81 UE); b) l’abuso di posizione dominante (art. 82 UE); c) le operazioni di concentrazione (Regolamento n. 4064/89). La disciplina delle prime due vuole regolare il comportamento delle imprese nel mercato, con lo scopo di sanzionare eventuali condotte suscettibili di falsare, restringere o impedire il libero e regolare svolgimento della concorrenza. La disciplina delle concentrazioni invece, vigila ex ante sulle dinamiche strutturali per impedire il formarsi, attraverso il collegamento organico di più entità economiche, di centri di potere sproporzionati rispetto al mercato e quindi in grado di controllarlo e falsificarne i meccanismi. Considerazioni analoghe possono essere fatte per la disciplina antitrust nazionale, introdotta con la l. 10 ottobre 1990, n. 287 (“Norme per la tutela della concorrenza e del mercato”), la cui derivazione dalla disciplina comunitaria risulta evidente, tant’è che nella stessa si dice: “l’interpretazione delle norme contenute nel presente titolo è effettuata in base ai principi dell’ordinamento della Comunità europea in materia di disciplina della concorrenza” 1 . Come si evince anche dal titolo, il presente lavoro si occupa solo ed esclusivamente dell’abuso di posizione dominante, e nello specifico del predatory pricing, e pertanto della fattispecie prevista dall’art. 82 UE dall’art. 3 l. n. 287/90, oltre che, naturalmente, dall’art. 2598 cc. nella disciplina della concorrenza sleale. Risulta evidente, dalla lettura dei 1 Art. 1, 4 o co., l. n. 287/90.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

akzo
concorrenza sleale
diritto antitrust
predatory pricing
prezzi predatori
scuola di chicago
vendita sottocosto
legge n. 287-1990
articolo 2598 del codice civile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi