Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela del turista

Il turismo, come fenomeno, può considerarsi un fattore di forte rilevanza sia economica che sociale e rappresenta una sorta di evoluzione culturale continua che coinvolge sia il turista sia il residente, rappresentando uno dei principali sistemi di diffusione di nuovi costumi e modi di vita in tutto il mondo. Lo sviluppo di nuove forme contrattuali atipiche e l’eterogeneità dei contratti a rilevanza turistica, hanno reso necessario un continuo intervento da parte del legislatore, sia nazionale che comunitario, formando un complesso quadro normativo, nel quale agli aspetti propri del turismo si affiancano aspetti civilistici e commercialistici. In questo quadro si inseriscono le diverse normative sulla tutela del consumatore ed in particolare del turista-consumatore.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa La tutela del turista Il turismo, come fenomeno, può considerarsi un fattore di forte rilevanza sia economica che sociale e rappresenta una sorta di evoluzione culturale continua che coinvolge sia il turista sia il residente, rappresentando uno dei principali sistemi di diffusione di nuovi costumi e modi di vita in tutto il mondo. Lo sviluppo di nuove forme contrattuali atipiche e l’eterogeneità dei contratti a rilevanza turistica, hanno reso necessario un continuo intervento da parte del legislatore, sia nazionale che comunitario, formando un complesso quadro normativo, nel quale agli aspetti propri del turismo si affiancano aspetti civilistici e commercialistici. In questo quadro si inseriscono le diverse normative sulla tutela del consumatore ed in particolare del turista-consumatore. Nel primo capitolo sono state analizzate le fonti normative a livello nazionale e comunitario nel settore turistico. E’ messo in risalto il mancato inserimento del turismo nel Trattato costitutivo della Comunità Europea, con conseguente ricorso all’art. 235 del Trattato stesso come mezzo per estendere le competenze della Comunità anche in questo settore, che con il tempo ha assunto un’importanza determinante a livello economico. Inoltre vengono presentate le principali direttive e risoluzioni, tra le quali la Risoluzione del 10 aprile 1984, “concernente una politica comunitaria del turismo” e la Risoluzione del Parlamento Europeo del 22 gennaio con la successiva decisione del Consiglio del

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Scarinzi Contatta »

Composta da 299 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7885 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.