Skip to content

Un nuovo approccio allo sviluppo territoriale: il marketing d'area ed alcune esperienze di agenzie europee

Informazioni tesi

  Autore: Andrea D'orazio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Massimo Paoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

Dinanzi ad un fenomeno di diffusione imprenditoriale senza più confini non è azzardato ipotizzare, in un futuro prossimo, un consolidamento nonché un accrescimento degli squilibri fra “regioni” ricche (più allettanti al business aziendale) e “aree” gerarchicamente inferiori (sempre meno appetibili agli occhi degli investitori sia piccoli che grandi). E’ certamente per lo sbilanciamento dei flussi d’investimento che prendono vigore e coraggio manifestazioni “no-global” indirizzate contro i grandi colossi imprenditoriali accusati di accentrare la ricchezza in limitati contesti geografici a discapito delle aree meno dotate di “capacità persuasiva”. In tale cornice, si può inserire questo lavoro che prova arditamente a seguire le orme degli studi economico-territoriali sin qui condotti in Italia e all’estero per tentare di fornire valide e convincenti politiche strategiche d’azione determinanti per la competitività dei territori, incapaci oggi di reagire in un contesto di internazionalizzazione così avanzata.
Uno degli strumenti maggiormente proiettati in codesta direzione è sicuramente il marketing d’area inteso come “nuova filosofia di gestione delle istituzioni e del territorio e nuova politica di valorizzazione e integrazione dei soggetti (imprese e non) che vivono e fanno parte del territorio”.
Ai fini di una più agevole interpretazione del testo mi sembra doveroso precisare il nesso causale che lega la disciplina dell’organizzazione aziendale con la tematica del marketing territoriale, se non altro per la frequente trasposizione di principi e logiche affermatisi ormai da tempo nella realtà operativo-organizzativa d’impresa.
Un ruolo cardine nell’azione di pianificazione dello sviluppo economico regionale è rivestito dalle Agenzie di promozione dell’area-territorio che insindacabilmente possono considerarsi dei “core intelligence” di razionalizzazione ed organizzazione strategica del prodotto area da “vendere” e delle “fonti vitali” di erogazione di servizi di assistenza pre-post localizzativa personalizzati ed adattati alle mutevoli e variegate esigenze ubicazionali delle imprese.
In tale scenario, il compito degli Enti di promozione della crescita del tessuto industriale locale è tanto delicato e critico da avermi motivato ad analizzare e studiare approfonditamente l’organizzazione e la struttura gestionale-operativa di alcune delle più prestigiose Agenzie europee quali la Dèlègation à l’amenagement du territoire et à l’action Regional (DATAR) e la Welsh Development Agency (WDA).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nella trattazione in questione si è cercato di esaminare, sia pur brevemente, quei fenomeni di natura economica che interessano in modo diretto o più indirettamente la disciplina del marketing d’area. Non è pensabile, infatti, affrontare il discorso del marketing areale senza aver prima fornito un quadro generale sul processo d’internazionalizzazione delle imprese, sempre più spinto verso la globalizzazione dei mercati e della competizione, e una visione d’assieme sulla “nuova” concorrenza che interessa, ormai da decenni, le aree e i sistemi urbani. In tale scenario, il marketing rappresenta la “leva” strategico-operativa in grado di migliorare la posizione di mercato dei sistemi locali e di attrarre le imprese interessate ad espandere i loro confini produttivi all’estero. Si è provato a confrontare le differenti definizioni di questa innovativa materia, seguendo un iter cronologico, per evidenziarne la propria evoluzione concettuale individuando altresì le sue varie funzioni, i suoi limiti nell’applicarsi ad un contesto geografico e i suoi molteplici obiettivi economici ben più ampi della selettiva politica di attrazione degli IDE, anche se tale finalità resta la più incisiva per lo sviluppo economico areale e quindi la più trattata in quest’opera. Vorremmo, inoltre, che il lettore riflettesse sul ruolo del marketing d’area nel raggiungimento di target economici senza però trascurare il perseguimento di una vision generale di crescita equilibrata e sostenibile del territorio, sempre maggiormente ambita dalla comunità sociale e dall’ U.E.. Speriamo di mettere in giusto risalto la rilevanza strategica dell’operare congiunto di tutti i soggetti pubblici e privati che, a vario titolo, sono coinvolti nell’attività di promozione dell’area e di predisposizione di pacchetti localizzativi differenziati sempre più orientati a soddisfare le mutevoli esigenze del mercato-impresa. Per comprendere bene i principi guida del marketing d’area, inteso come filosofia di gestione pianificata del territorio rivolta a favorire l’attrazione di capitale esogeno, è opportuno recuperare i concetti che interessano il marketing aziendale dei beni industriali e dei servizi. Ci siamo sforzati di mettere in stretto legame le due discipline, poiché entrambe presentano problematiche comuni giustificate dalla complessità dell’output da “vendere” e dalla necessità di fornire una continua assistenza pre e post vendita indirizzata a convincere l’acquirente della giusta scelta decisionale intrapresa e quindi a fidelizzarlo e soddisfarlo compiutamente. Infine, è sembrato utile analizzare prima, a livello teorico, le Agenzie di sviluppo e promozione europee ( per evidenziarne le caratteristiche peculiari che le contraddistinguono) e poi, seppur schematicamente, concentrarsi sui modelli di struttura organizzativa francese, con particolare riferimento alla DATAR e alla società di riconversione SODIE, ed anglosassone con specifica attenzione alla WDA. In altri termini, era doveroso, per completezza dell’opera, affrontare quelle “organizzazioni” che per le loro competenze tecniche e professionali dovrebbero essere in grado di elaborare un efficace piano strategico di marketing territoriale e di implementarlo coerentemente tramite il coordinamento e l’integrazione razionale degli strumenti operativi che compongono il marketing mix.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi