Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il male sacro, discorso intorno all'epilessia

In questa tesi analizzo la storia dell'epilessia nei vari secoli e nelle varie culture e dei metodi di cura e delle interpretazioni di questa malattia.

Mostra/Nascondi contenuto.
25 2.0 CHE COS’E’ L’EPILESSIA 2.1 Note nosologiche per un chiarimento della sintoma- tologia clinica Il FOREP, l’Associazione per la ricerca sull’epilessia e sindromi correlate, ha pubblicato nel 1997 un utile manuale a cura di M. Manfredi, T. Giallonardo e T. Fittipaldi, “Epilessia - notizie per decifrare l’universo delle crisi”, dal quale abbiamo tratto tutto il materiale che segue per una spiegazione scientifica dell’evento e- pilessia, forse ancora poco conosciuto nella sua realtà, dal pubbli- co di “non addetti ai lavori”. Quest’associazione si occupa so- prattutto degli aspetti scientifici e clinici della malattia, mentre gli aspetti e le problematiche sociali, così importanti per i pazienti con epilessia, sono curati da associazioni “laiche”, in Italia rappresen- tate soprattutto dall’AICE. Cerchiamo quindi di capire bene che cosa sia l’epilessia. L’Epilessia è una malattia neurologica che si manifesta con crisi ricorrenti, sostenute da un’improvvisa iperat- tività delle cellule nervose. Le crisi sono costituite da sensazio- ni o movimenti abnormi e si accompagnano spesso a sospensione della coscienza. Hanno breve durata, spesso meno di un minuto e tra una crisi e l’altra, il paziente non presenta alcun disturbo. Così descritta sembra cosa di poca importanza, ma le crisi, anche se di breve durata, disturbano notevolmente l’esistenza del paziente an-

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisabetta Perotti Papaduli Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9396 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.