Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'imprenditore occulto nella giurisprudenza

Scopo del presente lavoro è lo studio degli attuali orientamenti. Esso prenderà le mosse da un’analisi della nozione basilare di mandato, per poi approdare allo studio delle posizioni assunte dalla dottrina e dalla giurisprudenza in merito alla problematica dell’imprenditore occulto, con particolare riguardo alla sua assoggettabilità al fallimento, senza trascurare un excursus storico che vedrà il suo punto di partenza nella prima elaborazione della teoria.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Così come la legge non prevede, tra i requisiti dell’esercizio di un’attività economica la capacità, non è neppure previsto che debbano coincidere il soggetto dell’imputabilità dell’attività e colui che si comporta all’esterno come imprenditore. L’esercizio di attività d’impresa può effettuarsi in modo diretto, nel qual caso gli atti ad esso inerenti sono compiuti direttamente dal soggetto interessato; ma può dar luogo altresì ad un fenomeno analogo a quello di un mandato senza rappresentanza, quando gli atti sono compiuti da soggetto altro rispetto all’interessato. E’ il fenomeno largamente diffuso nella pratica commerciale dell’esercizio d’impresa per interposta persona, che si connota per la compresenza di due soggetti: quello che compie in nome proprio i singoli atti d’impresa (cosiddetto imprenditore palese o prestanome); quello che somministra i mezzi finanziari necessari, dirige di fatto l’impresa e fa suoi tutti i guadagni, il quale tuttavia non si palesa ai terzi (cosiddetto imprenditore indiretto od occulto). Questo modo di operare non solleva particolari problemi nei casi in cui l’attività dell’imprenditore è fiorente; ne solleva invece di ben gravi quando gli affari procedono male e l’imprenditore palese sia una persona fisica nullatenente oppure una società di comodo, una società con capitale sociale irrisorio. In quest’ ultima ipotesi, ferma restando la possibilità per i creditori dell’imprenditore palese di chiederne il fallimento, si concreterebbe l’assurda anomalia di far ricadere il rischio d’impresa non già sull’imprenditore, bensì sui suoi creditori, stante l’esiguità del patrimonio dell’imprenditore palese.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Rosaria Scarfogliero Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8263 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.