Skip to content

L'informatizzazione dell'attività amministrativa

Informazioni tesi

  Autore: Pierpaolo Matarazzo
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Economia
  Corso: Operatore Giuridico d'Impresa
  Relatore: Tammaro Chiacchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

La progressiva affermazione dell’informatica solleva difficili questioni di ordine politico, giuridico, sociale e culturale.
A fronte della consolidazione di un evento che invero pare irreversibile, si sono moltiplicati i dibattiti sull’opportunità ed i limiti della sua introduzione. Sollevando un vivace confronto fra tradizionalisti ed innovatori, lo shock informatico tocca oggi l’amministrazione pubblica più di ogni altro settore della società.
Il crollo del mito certificativo non rappresenta un’innovazione di pura forma.
Esso è invece l’indizio di una vera e propria rivoluzione del modo di rapportare l’apparato ai cittadini. Se la trasparenza della funzione amministrativa è un obiettivo imprescindibile verso una riforma dell’amministrazione seriamente ispirata ai principi costituzionali di imparzialità e buon andamento, l’impiego dello strumento informatico ne rappresenta, invero, la principale precondizione di operatività. Dal punto di vista del cittadino questo fatto implica ovviamente un cambio di prospettiva. La telematica e l’informatica possono contribuire con decisività a trasformare il cittadino-utente in cittadino-cliente, superando il formalismo autoritativo-burocratico, sì da porlo finalmente e con pienezza di diritto in una posizione pretensiva verso l’amministrazione. In ciò se si vuole, v’è l’occasione per rimarcare la possibilità di superare un paradosso del nostro ordinamento, il paradosso per cui l’individuo è cittadino nell’ambito costituzionalmente garantito, ma spesso rimane suddito nei confronti dell’amministrazione.
L’informatizzazione può dunque fornire l’occasione per una rivoluzione nei rapporti. Ma a questa rivoluzione nei rapporti non può non corrispondere una speculare rivoluzione dell’organizzazione. Realizzandosi le condizioni destinate a favorire una relazione diretta tra cittadino e amministrazione, indubbiamente si accentua altresì la possibilità che a quest’ultima siano estesi i processi aziendalistici di arricchimento funzionale, sino a raggiungere l’ambizioso traguardo di un’amministrazione consulente, realmente capace di porsi al servizio dei suoi fruitori.
Nella misura in cui si condividano queste premesse, non sarà difficile derivarne che la sopraggiunta trasparenza dell’azione amministrativa imponga in una più larga misura, maggiore trasparenza anche nell’azione politica.
Sin dalle prime pagine di questo lavoro, e pur nei suoi circoscritti limiti, intendiamo allora rimarcare che l’accentuazione della responsabilità non rappresenta un processo da ridursi nel campo dell’amministrazione, ponendo e presupponendo la più generale incrementabilità delle occasioni di controllo politico. Per questo, di fronte alla portata epocale di tali cambiamenti, il rischio di una reviviscenza del tradizionale trasformismo del nostro ceto dirigente è forte, com’è forte il rischio che, siccome il potere costituito non può sottrarsi alle istanze di cambiamento provenienti dalla società, alla fine si addivenga alla soluzione gattopardesca, che cambi tutto purchè non cambi niente.
La minaccia delle posizioni di potere consolidate dentro e fuori dall’amministrazione, giustifica intanto la perdurante presenza di resistenze all’innovazione, ma anche la necessità che, nell’economia di questo studio, l’analisi dell’informatizzazione stricto sensu amministrativa sia perciò stesso preceduta da qualche sintetico cenno ai problemi della giuritecnica, della legimatica e della teledemocrazia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.2 L’INFORMATICA GIUDIZIARIA 1 . Il problema giustizia rappresenta oggi nel nostro Paese una delle tematiche di maggiore attualità. Se l’annosa questione posta dalla conflittualità tra poteri deborda palmarmente dai limiti di questo studio 2 , non altrettanto può dirsi per quanto attiene alla valutazione della qualità del rapporto tra la giustizia ed il cittadino. Nel contesto di un’analisi rivolta ad apprezzare il possibile impatto dell’evento tecnologico nel campo del diritto pubblico può anzi essere di una qualche utilità verificare le possibili opzioni prospet- tantesi in merito all’informatica giudiziaria, qui vista con particola- re riferimento al settore amministrativo. A nostro modesto avviso, e come si cercherà di dimostrare diffusa- mente, gli odierni problemi della giustizia impongono la necessità di una seria riflessione, da incentrarsi non solo sull’aspetto relazio- nale, nella ricerca di (nuovi) possibili equilibri tra poteri, sibbene anche (e soprattutto) sul versante operativo. Ragionando in tal sen- so, si muoverà dalla constatazione che la giustizia, ancor prima d’essere potere, è servizio da garantire al cittadino. Una concisa a- nalisi dell’informatica giudiziaria intende per l’appunto indicare le modalità attraverso le quali se ne può migliorare la produttività, pur con tutti i distinguo che l’impiego di questo termine può susci- tare nel settore che ci occupa. Presupposto imprescindibile del suo svolgimento dovrà allora essere la constatata promulgazione di una normativa che, tanto a livello legislativo che a livello regolamentare tiene conto del mez- zo informatico, considerandolo, se non come un fenomeno da in- centivare con sistematicità, quantomeno come un fatto compiuto da legittimare. L’informatica giudiziaria nasce intorno ad una vocazione pura- mente documentale. Ciò accade perché la struttura stessa del processo, segmentata com’è in precise fasi, manifesta una complessità di svolgimento, e quindi un fabbisogno conoscitivo, che l’informatica si presta a ristorare per sua naturale vocazione. La maggiore occasione di impiego (e di sperimentazione) delle banche dati è stata costituita dallo sforzo nella lotta alla criminalità organizzata. Al riguardo è stata infatti approvata un’apposita legge, la 121/1981, sì consen- tendo che i corpi di polizia e la magistratura possano condividere 1 Sull’informatica giudiziaria, FROSINI, La giuritecnica: problemi e proposte, Informatica e diritto, 1975; FROSINI, Giustizia e informatica, Informatica e diritto, 1977; GIURDANELLA, Lo stu-dio legale online, Napoli, 2003; IASELLI, Informatica giuridica, Napoli, 2002; RIEM, Il processo civile telematico, Napoli, 2002. 2 Ma si veda CASSESE, Legittimi sospetti, Il Sole 24 ore, 4/8/02 e GUARNIERI, E le riforme aspettano, Il Sole 24 ore, 14/8/03.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi