Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto ed implementazione di un algoritmo per il controllo di velocità con indebolimento di campo in un azionamento brushless privo di encoder

L’obiettivo del lavoro è quello di verificare le possibilità di estendere il campo di velocità, mediante indebolimento di campo, di un azionamento brushless caratterizzato dall’assenza di un encoder di posizione.

Il lavoro svolto può essere suddiviso in due fasi:

- studio teorico degli algoritmi e simulazione degli stessi, per testarne l’efficacia (capitoli I,II,III)

- implementazione degli algoritmi sul DSP e verifica mediante prove sperimentali del corretto funzionamento dell’azionamento (capitoli IV,V,VI).

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’obiettivo del presente lavoro è quello di verificare le possibilità di estendere il campo di velocità, mediante indebolimento di campo, di un azionamento brushless caratterizzato dall’assenza di un encoder di posizione. L’azionamento considerato, è, infatti studiato per applicazioni essenzialmente in ambito domestico, ed è, per questo motivo, vincolato da criteri di carattere economico. L’eliminazione dell’encoder di posizione e la sostituzione di esso con un metodo di stima della posizione basato sull’utilizzo di sensori più semplici ed economici (sonde di Hall), consente una riduzione drastica dei costi e degli ingombri. Tuttavia continua ad essere lecito aspettarsi dall’azionamento delle buone prestazioni, se pur non al livello degli azionamenti per applicazioni industriali. Per questo motivo sono stati sviluppati ed implementati degli algoritmi che consentono di estendere il campo di velocità dell’azionamento, al fine di migliorarne ulteriormente le prestazioni. Un’altra caratteristica importante dell’azionamento preso in esame, è, infatti, quella di essere realizzato utilizzando un DSP (Digital Signal Processor), che permette di realizzare tutte le fasi della catena di controllo semplicemente per via software, anziché per mezzo di una realizzazione circuitale, oltre a consentire di effettuare la stima della posizione. Risulta chiaro, perciò, che l’adozione di algoritmi di controllo più complessi, che permettano di operare ad elevate velocità, non pregiudica le caratteristiche di economicità e semplicità da un punto di vista hardware. Il lavoro svolto può essere suddiviso in due fasi:

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Vincenzo Malafarina Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1717 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.