Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzi innovativi del legno in architettura: capannone per la produzione di semilavorati di castagno, Rotondi (Av)

Il progetto è parte di un programma di interventi previsti in un’ampia area della Valle Caudina, tra le province di Avellino e Benevento, comprendente i comuni di Rotondi, Cervinara e S.Martino Valle Caudina.
Comuni in cui storicamente lo sfruttamento bosco ceduo di castagno rappresentava una delle principali fonti produttive. Un’economia, espressione di una sedimentata cultura materiale, gradualmente spezzata da un mercato non più favorevole e da orientamenti industriali differenti.
Si sono ipotizzati quindi una serie di interventi che rivalorizzassero questo tipo di economia, incentivandone un suo nuovo sviluppo i cui riscontri non fossero solo produttivi, ma anche turistici e culturali.
Il fabbricato oggetto della tesi insiste in uno dei lotti a valle dell’area di studio, alle pendici settentrionali della catena montuosa del Partenio. Posto nelle vicinanze delle principali vie di comunicazione (via Appia, linea ferroviaria), e già destinato dal PRG del comune ad attività produttive, risulta idoneo alla localizzazione di un impianto di seconda lavorazione del materiale ligneo tagliato ed essiccato proveniente dai castagneti.
Gli essiccatoi del tabacco, manufatti largamente presenti nella zona, sono stati tra i riferimenti principali per l’elaborazione del progetto.
Così come una rielaborazione della capriata come tipologia costruttiva. La sua geometria invertita , ed il suo schema statico alterato: i pilastri, da due in corrispondenza dei suoi punti d’appoggio, diventano uno. Questo è posto al centro della sua campata mentre, per ripristinare l’equilibrio, le estremità vengono tese mediante tenditori in acciaio.
La ridotta sezione di quest’ultimi consente quindi alle facciate del fabbricato la massima apertura possibile all’aria, alla luce, al paesaggio circostante.

Mostra/Nascondi contenuto.
pianta + 3.00 m 1. area lavorazione 2. direzione 3. amministrazione 4. spogliatoio 5. bagno 6. deposito 7. vano tecnico 8. area essiccazione 9. area deposito esterna 10. vasca estrazione tannini 1 4 10 10 9 32 77 5 66 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Carlo Alfinito Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5573 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.