Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cooperazione tra i servizi di polizia degli stati membri dell'Unione europea

In questo lavoro viene analizzato il sistema creatosi con gli accordi di SCEHNGEN per poi passare all'esame delle novità in tema di cooperazione di polizia tra gli stati dell' Unione Europea nata con il Trattato di MAASTRICHT. Viene esaminato e approndito in particolare il terzo pilastro di MAASTRICHT. Si tratta la genesi dell'EUROPOL analizzandone le caratteristiche, le novità ed i problemi. Si analizza il trattato di AMSTERDAM e si approfondiscono le analisi del sistema dell' INTERPOL.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’istituzionalizzazione nell’ambito dell’Unione Europea della cooperazione tra le forze di polizia è fenomeno relativa- mente recente. Solo con il Trattato di Maastricht è stata previ- sta, per la prima volta in Europa, la creazione di un Ufficio eu- ropeo di polizia: l’Europol. Il Trattato di Amsterdam ha, in se- guito, rafforzato le potenzialità e ridisegnato il ruolo dell’organismo, affidandogli una posizione di assoluta centrali- tà nella prevenzione e nella lotta al crimine internazionale. Eu- ropol, che si caratterizza principalmente per l’attività d’intelligence, ha preso avvio nel luglio 1999 dopo la ratifica, da parte degli Stati membri, della Convenzione istitutiva. La presente tesi ripercorre le tappe che hanno portato alla creazione di questo nuovo organismo comunitario, per meglio comprenderne struttura e funzioni e renderne, così, maggior- mente apprezzabili le potenzialità. Il testo, diviso in sei capitoli, tratta, nell’ordine: il sistema Schengen e il Trattato di Maastricht, fondamentali per la nasci- ta di una cooperazione tra le polizie europee; si continua con

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Crucianelli Contatta »

Composta da 253 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7638 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 66 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.