Skip to content

Gli effetti dell'immigrazione sulle entrate e spese pubbliche con particolare riferimento alla regione Valle d'Aosta

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Grammaroli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Mario Leccisotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

L'inizio di alcune importanti conseguenze dell'immigrazione internazionale sugli equilibri economici del paese di accoglienza, ha portato la letteratura specializzata a rivolgere particolare attenzione allo studio degli effetti generati dalla presenza di immigrati sul mercato del lavoro e all'analisi della loro partecipazione al sistema della sicurezza sociale.
Il presente lavoro nella sua parte iniziale, articolata nei primi due capitoli, ha la finalità di offrire un quadro generale di riferimento sull'attuale situazione del fenomeno, a livello globale ed europeo, di procedere alla descrizione delle principali cause che generano l'immigrazione, e di trattare i più recenti orientamenti sul tema della capacità degli immigrati a contribuire al finanziamento delle prestazioni loro erogate all'interno dei programmi di sicurezza sociale e sul tema dell'evoluzione dei loro guadagni all'interno dell'economia che li riceve.
La seconda parte del lavoro ha invece l'obbiettivo di offrire uno strumento di analisi socioeconomica del fenomeno dell'immigrazione extracomunitaria in Italia, con uno specifico riferimento al contesto territoriale della regione Valle d'Aosta.
Si studieranno le serie storiche sui permessi di soggiorno per conoscere l'evoluzione della presenza legale extracomunitaria, i dati sugli avviamenti al lavoro per capire l'entità della richiesta di manodopera straniera da parte della nostra economia, e le elaborazioni sulle rimesse degli immigrati per avere una migliore visione del loro grado di integrazione economica.
I benefici economici che gli extracomunitari apportano allo Stato e agli altri Enti Pubblici, saranno calcolati stimando le entrate generate dal pagamento delle imposte (Irpef ed Iva, trascurando le altre per le difficoltà di offrirne una stima in qualche modo attendibile) e dal versamento dei contributi sociali.
I costi per il settore pubblico generati dall'immigrazione riguarderanno le prestazioni sociali offerte gratuitamente o con il pagamento di una tassa insignificante, ed in particolare l'istruzione e la sanità, tralasciando l'analisi di servizi indivisibili tipo parchi, strade, sicurezza, giustizia e così via, di cui anche gli immigrati godono ma per i quali non è possibile procedere ad una adeguata stima economica.
Questo lavoro si conclude con la valutazione riassuntiva dell'impatto dell'immigrazione extracomunitaria sui conti pubblici della regione Valle d'Aosta, mediante la costruzione di un bilancio dell'immigrato regolarmente soggiornante per tutti gli anni che vanno dal 1991 al 1999.
I dati utilizzati per la realizzazione di questo studio sono tratti in primo luogo dalle banche dati del Ministero dell'Interno, Ministero del Lavoro, Ministero della Sanità, Ministero dell'Istruzione e dagli archivi dell'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e dagli archivi dell'ISTAT, integrati da elaborazioni realizzate da associazioni e fondazioni quali Caritas ed ISMU.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- Preview - I Le ragioni che muovono l’immigrazione internazionale si possono ricercare principalmente in tre fattori: A) le rilevanti differenze tra il tenore di vita sperimentato nel paese di origine e quello atteso nei paesi in cui si intende emigrare; B) le condizioni attese sui mercati del lavoro nei paesi di arrivo; C) la situazione demografica e le sue prospettive nell’immediato futuro. Per quanto concerne il tenore di vita, questo deve essere visto sia nella differenza reddituale e sia nella possibilità di perseguire i vari aspetti delle condizioni di vita (salute, sicurezza , istruzione, etc.) associati al maggior reddito da lavoro ottenibile, con la differenza che se la permanenza è temporanea, è necessario considerare il peso che il maggior reddito conseguito ( e parzialmente risparmiato) ha nell’assicurare aspetti rilevanti delle condizioni di vita del lavoratore emigrante, per sé e per la sua famiglia, al rientro nel paese di origine; mentre se l’emigrazione tende ad essere permanente, più che il maggior reddito immediatamente perseguibile, assumono rilievo le prospettive di guadagno nella ulteriore vita lavorativa e le condizioni di vita assicurabili non soltanto grazie all’impiego del reddito all’emigrante e ai suoi familiari. Con riguardo alle condizioni dei mercati di lavoro nei paesi di arrivo, è la presenza di una domanda di lavoro alla ricerca di offerta altrimenti non reperibile e/o di una domanda particolarmente attraente a sollecitare in misura rilevante i lavoratori ad emigrare verso paesi con un sistema produttivo in sviluppo ed articolato in modo da presentare possibili crescenti carenze di offerta di lavoro in specifici segmenti di mercato settoriali, locali, professionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi