Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti della E-economy sui trasporti: il caso del commercio elettronico

Il mio curriculum è consultabile nelle NOTE DI APPROFONDIMENTO raggiungibile dal link IL MIO CURRICULUM VITAE.

La tesi analizza gli effetti che la E-ECONOMY può avere sul trasporto di persone e di merci. In particolare, partendo dai modelli concettuali già sviluppati nella letteratura internazionale, sono stati analizzati i due aspetti "EFFETTO SOSTITUZIONE" e "EFFETTO COMPLANARIETA'" determinati dall'utilizzo delle nuove tecnologie (internet, email,...) che consentono di svolgere in casa determinate attività che precedentemente richiedevano necessariamente lo spostamento fisico al luogo specifico in cui si svolgevano le attività quotidiane (il luogo di lavoro per i lavoratori, i negozi per gli acquisti, la scuola per gli studenti).
Nell'effetto sostituzione il generico individuo, partecipando da casa a determinate attività quotidiane (tele-lavoro, tele-istruzione, commercio elettronico), evita di spostarsi quindi l'effetto sul sistema di trasporto è una riduzione della domanda di trasporto.
Nell'effetto complementarietà l'individuo in seguito alla partecipazione ad un attività da casa risparmia un tempo e un costo che può utilizzare per ulteriori spostamenti o per organizzare diversamente le attività quotidiane (una donna che tele-lavora può gestire con maggiore efficienza la famiglia; uno studente che utilizza l'e-learning per seguire i corsi universitari, evita l'affollamento e lo stress derivante dall'affollamento delle aule...).
Una sezione della tesi focalizza l'attenzione sul trasporto merci, soffermandosi sull’evoluzione che la logistica ha avuto in seguito alla comparsa di tali tecnologie che hanno rivoluzionato tutta la supply chain.
Nell'altra sezione, invece, è stata presentato un modello matematico (si focalizza sull'effetto sostituzione nel caso del commercio elettronico) che consente di simulare la scelta del consumatore tra il commercio fisico e il commercio elettronico.
L'utilizzo di tale strumento, consente di generalizzare il modello a quattro stadi (nel caso di spostamenti CASA-ACQUISTI). La calibrazione di tale modello è stata condotta mediante i risultati di un questionario somministrato a circa 70000 utenti internet. Il questionario è stato compilato da 697 utenti in soli 14 giorni su un sito internet appositamente costruito per il reperimento dei dati.
In seguito al brillante risultato del lavoro di tesi, l’applicazione implementata sarà utilizzata in futuro nell’attuale struttura modellistica per la simulazione dei flussi nelle reti di trasporto per tener conto esplicitamente del commercio elettronico negli spostamenti per acquisti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Le odierne città si sono sviluppate, fin dalla loro nascita, come centri in cui si concentravano le principali attività della vita sociale (attività amministrative, finanziarie, bancarie, di intrattenimento, di shopping); l’aumento delle popolazione in ambito urbano e la conseguente saturazione dei centri abitati hanno determinato uno squilibrio tra l’offerta di trasporto fornita dalle infrastrutture e dai sistemi di trasporto e la domanda di trasporto che doveva essere servita. Con il passare degli anni si è quindi aggravato il ben noto problema della congestione stradale; due sono le soluzioni per alleviare gli effetti della congestione: aumentando l’offerta di trasporto o modificando la domanda di trasporto. La prima soluzione consiste nell’agire direttamente sull’offerta di trasporto investendo in infrastrutture: in questo caso il costo sociale dell’intervento, già alto per la peculiarità di queste opere civili, aumenta a causa del limitato spazio disponibile che impedisce la progettazione di tracciati economicamente efficienti. Inoltre i tempi di realizzazione delle opere infrastrutturali sono molto lunghi e i benefici in questo caso si rilevano dopo molti anni dalla costruzione dell’opera. La seconda soluzione è quella di intervenire sulla domanda di trasporto; in generale gli interventi di questo tipo richiedono un costo minore e tempi di realizzazione molto più bassi dei precedenti. Le nuove tecnologie rappresentano un valido strumento per poter agire direttamente sulla domanda di trasporto; prendendo spunto da ciò, questa tesi ha approfondito gli effetti della E-economy sui trasporti, con particolare riferimento al trasporto passeggeri, individuando quali di questi sono più rilevanti nell’influenza sulla domanda di trasporto. Infatti, la diffusione dei computer e l’evoluzione tecnologica hanno dato vita a nuovi sistemi di comunicazione (telefoni cellulari, sms, posta elettronica, internet) che offrono un’alternativa virtuale a tante delle attività che svolgiamo quotidianamente (lavoro, acquisti, formazione). Ciò ha consentito di poter svolgere in casa una serie di attività (tele-lavoro, tele-istruzione, commercio elettronico) che richiedevano precedentemente spostamenti in luoghi specifici. Gli effetti di questa innovazione sulla domanda di trasporto sono molteplici: se da un lato il ricorso alle attività virtuali sostituisce una serie di spostamenti fisici

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Carlo Di Marco Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2491 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.