Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vessazioni sul lavoro - La tutela del prestatore d'opere vittima di mobbing

Il lavoro si propone innanzitutto lo scopo di analizzare la fattispecie del mobbing o più propriamente delle vessazioni al fine di stabilire se esso sia una figura giuridica a sé stante o se piuttosto non debba essere ricondotto sotto altri fatti giuridici. A tal fine, quindi, ne analizza le caratteristiche, le modalità con le quali è attuato, gli effetti psico-fisici sulla persona nonché quelli a carico delle stesse aziende; in altre parole si impara a riconoscerlo!
Un'ampia sezione è dedicata agli aspetti giuridici delle vessazioni: disegni di legge, la posizione del datore di lavoro, i diritti del lavoratore che vengono lesi, la giurisprudenza esistente.
In un'ottica di ricerca delle peculiarità del mobbing, sono diffusamente analizzate altre fattispecie giuridiche contigue alle vessazioni: le discriminazioni, le molestie, le molestie sessuali; particolare riguardo è posto alla ricerca dei principi costituzionali posti a difesa della dignità umana e del principio di uguaglianza sostanziale. Un'esauriente elenco di disposizioni legislative antidiscriminatorie completa la sezione.
Nella parte finale del lavoro vengono analizzate la dottrina e la giurisprudenza inerente il riconoscimento del mobbing quale fenomeno giuridico autonomo; in particolare vengono analizzate le varie sentenze che sinora si sono occupate del fenomeno delle vessazioni per evidenziare come la tutela del lavoratore sia stata di volta in volta attuata o mediante strumenti giuridici tradizionali o mediante il più innovativo ricorso al danno esistenziale.
Accanto alla bibliografia primaria il testo è documentato con numerosi riferimenti alla dottrina esistente sugli argomenti nel lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I° LE VESSAZIONI E LA LORO DIMENSIONE GIURIDICA PARTE I VESSAZIONI E PERSECUZIONI PSICOLOGICHE 1.1 Il fenomeno delle pratiche vessatorie Con il termine comportamento vessatorio si suole designare quella condotta mediante la quale si sottopone qualcuno a continui abusi, arbitri, maltrattamenti e altre azioni simili. Il termine inglese mobbing (dalla forma infinita del verbo to mob) ha invece un significato leggermente diverso: designa il comportamento aggressivo del branco nei confronti di un singolo individuo. Dall'etologia, scienza da cui il termine è derivato, alle scienze sociali il passo è stato breve e, appunto, in queste ultime viene utilizzato per indicare quell'insieme di comportamenti vessatori, perpetrati con una certa continuità da parte di un soggetto (singolo o collettivo)

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Eustacchio Voto Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4698 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.