Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I criteri di valutazione nel reddito d'impresa

Il lavoro illustra i criteri fondamentali di valutazione del reddito d'impresa ai fini fiscali, quindi la determinazione del reddito fiscalmente rilevante e i metodi che il contribuente deve seguire attraverso il dettato normativo del T.U.I.R.. I criteri, molteplici nelle norme positive, sono illustrati nella loro generalità e organicità di funzionamento a partire dalla derivazione del risultato fiscale partendo dal risultato contabile del conto economico, il criterio di competenza, inerenza, il criterio del valore normale e i criteri inerenti le valutazioni di fine esercizio quali rimanenze, ammortamenti, accantonamenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Quando si parla di valutazione del reddito d’impresa, soprattutto fra studenti di materie economiche, facilmente si può pensare alla valutazione del raggiungimento degli obiettivi pianificati dal management aziendale o alle stime della capacità futura di creare utili da parte dell’azienda stessa. Nel diritto tributario non si intende nulla di tutto questo. La valutazione del reddito d’impresa attraverso i criteri dettati dalla normativa sull’imposizione diretta altro non è che la determinazione ex- post degli eventi che danno origine al reddito fiscalmente rilevante. L’obiettivo delle norme che verranno trattate è dunque quello di delineare i comportamenti che il contribuente deve seguire nel momento in cui valuta, se e in quale misura, le componenti positive e negative partecipano alla formazione della categoria reddituale in questione. Nel presente lavoro si vogliono illustrare detti criteri generali che permetteranno di avere una visione d’insieme del problema senza pretendere di fornire un quadro completo ed esaustivo degli innumerevoli problemi che presenta una materia cosi amplia. L’analisi che è stata effettuata parte dai criteri dettati dall’articolo 9 del T.U.I.R. di determinazione del reddito e come questi si integrano con quelli contenuti nell’articolo 76 dello stesso e nelle altre disposizioni della normativa del reddito d’impresa. Si vuole inoltre osservare come le peculiarità di determinazione analitico- contabile, nonché i problemi di trasmissione temporale degli elementi patrimoniali, influenzino i criteri che il legislatore ha adottato per la formazione della categoria reddituale d’impresa.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Zarletti Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5907 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.