Skip to content

Il Ccrt come mezzo d'indagine dei disturbi del comportamento alimentare

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Torrente
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Francesca Giannone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

I disturbi del comportamento alimentare sono tra le patologie sicuramente più studiate di questi ultimi anni, a causa dell’aumento della loro prevalenza nei paesi di cultura occidentale.
La società odierna, infatti, proponendo degli elevati standard “si deve essere belli e di successo”, costringe la popolazione ad un enorme stress. Soprattutto quella femminile che, ancora oggi, è costretta a lavorare contemporaneamente in casa e fuori casa e che, quindi, con maggiori difficoltà riesce a raggiungere i vertici della scala sociale. Se consideriamo lo stress nella sua accezione originaria, cioè come una forza che urta contro una resistenza, le persone più deboli non possono che soggiacere a questa forza e la paura ossessiva di ingrassare prende il sopravvento: in un mondo di ipernutriti, essere grassi vuol dire essere deboli, vuol dire uniformarsi alla massa, non essere in grado di controllarsi.
La magrezza diventa un valore.
Inoltre, lo stato di deperimento fisico cui giungono i pazienti con disturbi del comportamento alimentare attira l’attenzione dei familiari, attenzione che spesso è stata loro negata o che, comunque, si è rivelata inadeguata.
Queste patologie sono state approcciate da diversi modelli teorici e nella loro valutazione diagnostica vengono utilizzati sia dei test specifici, che test utilizzati più comunemente nella pratica clinica come l’MMPI, il Rorschach ed altri.
Noi ci siamo chiesti se potesse essere rilevata, in questi pazienti, una modalità relazionale comune, un “conflitto centrale” peculiare. Abbiamo scelto di utilizzare come strumento il CCRT, uno strumento elaborato da Luborsky per individuare il “Tema Relazionale Conflittuale Centrale”, al fine di ottenere un elemento di conoscenza che potrebbe aiutare i clinici a gestire il transfert di queste pazienti.
Il CCRT, infatti, come asserisce S. Freni nella sua “Premessa” ai Principi di psicoterapia psicoanalitica. Manuale per il trattamento supportivo-espressivo di Luborsky:

«Si presta molto ad un lavoro psicoterapeutico più centrato su problemi focali del paziente, e quindi è adatto ad un approccio psicoterapeutico a tempo limitato di grande interesse in ambito pubblico» (Luborsky, 1984).

Inoltre, l’utilizzo di questo metodo permette una valutazione più fondata, dato che, continua Freni:

«Il momento della supervisione col metodo del CCRT e la siglatura della seduta, per individuare gli RE (episodi relazionali), le RS (risposte dal Sè) e le RO (risposte dall’oggetto), perde quella caratteristica suggestivo-carismatica delle supervisioni tradizionali troppo permeate dall’autorevolezza (reale o fantasmatica) del supervisore» (cit.).

Il CCRT si estrae dalle trascrizioni di sedute di psicoterapia o dalle trascrizioni degli episodi relazionali raccolti col metodo delle interviste Paradigma di Aneddoti Relazionali (RAP).
Nel primo capitolo di questo lavoro di tesi abbiamo guardato all’evoluzione del concetto di transfert attraverso le teorizzazioni di alcuni Autori. Nel secondo, abbiamo, invece, introdotto alcuni strumenti che vengono utilizzati nella pratica clinica per la valutazione delle modalità relazionali dei pazienti. Col terzo capitolo, invece, siamo entrati nel merito del lavoro di Luborsky, introducendo il metodo del Tema Relazionale Conflittuale Centrale. Il quarto capitolo introduce alla classe di patologie approcciate nel nostro contributo empirico: i disturbi del comportamento alimentare. Il contributo empirico è stato esposto nel quinto capitolo. Il sesto capitolo è, invece, una sorta di sunto dell’intero lavoro proposto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO I EXCURSUS SUL CONCETTO DI TRANSFERT I.1 Il transfert I.1.1 Freud «Trovammo, infatti, con grandissima sorpresa che i singoli sintomi scomparivano subito ed in maniera definitiva quando si era riusciti a ridestare il ricordo dell’evento determinante, risvegliando anche l’affetto che l’aveva accompagnato e quando il malato descrive l’evento nella maniera più completa possibile» (Freud, S., 1892/95). Abbiamo ritenuto adatto, per un’introduzione, questo stralcio del pensiero freudiano perchè riesce a riassumere ciò che il padre fondatore della Psicoanalisi più tardi battezzò col nome di transfert. È un brano tratto dell’opera Studi sull’isteria 1 che riporta tutto ciò che Freud aveva constatato sui sintomi isterici, fino a quel momento, lavorando a stretto contatto con Breuer. 1 Freud, S. (1892/1895), Studi sull’isteria (in collaborazione con Josef Breuer),in Opere, Boringhieri, Torino, 1967, vol I.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anoressia
bulimia
controtransfert
dca
disturbi dell'alimentazione
transfert
psicologia dinamica
disturbi del comportamento alimentare
tema relazionale conflittuale centrale
lester luborsky

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi