Skip to content

La gestione efficace della ricchezza ''risorse umane'' come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo: il contributo dell'intervento formativo

Informazioni tesi

  Autore: Lara Marelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Mauro Niero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

La tesi e l'argomento trattati nascono da esperienze vissute, che hanno fatto sorgere in me dei quesiti, e da interessi personali.
Ho pensato ad un argomento attuale, che potesse trovare dei risvolti pratici nella realtà lavorativa e fornisse informazioni, conoscenze e risposte a chi, come me, si appresta ad essere una risorsa umana.
Attraverso il mio tirocinio, condotto presso l'ISFOR 2000 di Brescia, Istituto superiore di formazione e ricerca, attraverso uno degli ultimi esami sostenuti, Organizzazione del lavoro e sviluppo delle risorse umane, attraverso, inoltre, mie ricerche personali, condotte anche su Internet, ripensando, infine, alle mie esperienze lavorative passate, nonchè al futuro che si prospettava, sono nati gli spunti per questo lavoro, che, come è naturale che sia, si è andato poi arricchendo e perfezionando nel corso del tempo in cui approfondivo la ricerca.
Volevo affrontare un tema reale, in ambito lavorativo e formativo, non solo teorico, ma che affondasse le radici e trovasse degli sviluppi, con i suoi problemi, le complessità e le potenzialità, nelle attuali attività del mondo lavorativo moderno, cosicché potessi mettere in evidenza un argomento, non solo nelle sue caratteristiche "superficiali", visibili a tutti, ma anche nei retroscena più profondi, nascosti, a cui nessuno dà peso, o che molti danno per scontato: le risorse umane.
Quando si pensa alle risorse di un'azienda, infatti, per chi non ricopre ruoli che sono strettamente connessi al "problema", forse non si considera abbastanza l'uomo, le sue potenzialità, la ricchezza che costituisce per il lavoro che compie, la necessità di svilupparne le capacità, per il suo benessere e, conseguentemente, per quello dell'azienda. E, forse, è il lavoratore stesso che non è stato educato ad essere consapevole di costituire non un ingranaggio sterile di un'enorme e complessa macchina, ma la linfa vitale di un organismo vivo, pulsante ed in continuo sviluppo.
Nell'odierna realtà, in effetti, queste problematiche iniziano a sentirsi con forza e ad essere affrontate in tutte i loro risvolti: sta nascendo o si sta rafforzando una nuova coscienza del lavoratore, il lavoratore come risorsa preziosa e fondamentale, e la consapevolezza di essere tutti membri di molteplici strutture e, allo stesso tempo, di un'unica organizzazione.
Da queste considerazioni, l'argomento da me trattato: La gestione efficace della ricchezza "risorse umane" come fattore di sviluppo organizzativo e vantaggio competitivo.
Oggi, la crescente globalizzazione, il progresso tecnologico, le continue e pressanti richieste del mercato, la velocità che accompagna ogni funzione lavorativa e la produzione stessa, non disgiunte dalla volontà di raggiungere un prodotto finito sempre più preciso ed altamente specializzato, richiedono al mondo del lavoro e, più specificatamente, alle organizzazioni, un elevato livello di competitività, che permetta loro di svilupparsi, di tendere ad un miglioramento continuo, per sostenere e superare la concorrenza, per ottenere il miglior prodotto per il cliente, per raggiungere un vantaggio competitivo.
Ma le organizzazioni sono gli uomini. Gli uomini lavorano al loro interno, per se stessi e, quindi, per le organizzazioni. Gli uomini fanno sì che le organizzazioni siano quello che effettivamente sono. Le organizzazioni nascono, vivono, sopravvivono, si sviluppano o muoiono, per merito, o demerito, della loro risorsa fondamentale: la risorsa umana.
L'uomo è la prima e la più importante risorsa dell'organizzazione, perciò, se lo scopo da perseguire è lo sviluppo di quest'ultima e il raggiungimento di un vantaggio competitivo per la stessa, strategia ottimale sarà quella di gestire la risorsa umana nel modo migliore possibile, una gestione efficace della risorsa, efficace per la realizzazione degli obiettivi dell'organizzazione, ma concordante, prima di tutto, con la motivazione e la soddisfazione dell'uomo.
Gestire le risorse umane, infatti, significa utilizzare il maggior numero di potenzialità del singolo e del gruppo per il raggiungimento di obiettivi comuni e, se tale "arte", di massima importanza per il management, è messa adeguatamente in pratica, si può parlare di risorse umane come di "variabile" principale del successo aziendale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ξ PREMESSA La tesi e l'argomento trattati nascono da esperienze vissute, che hanno fatto sorgere in me dei quesiti, e da interessi personali. Ho pensato ad un argomento attuale, che potesse trovare dei risvolti pratici nella realtà lavorativa e fornisse informazioni, conoscenze e risposte a chi, come me, si appresta ad essere una risorsa umana. Attraverso il mio tirocinio, condotto presso l'ISFOR 2000 di Brescia, Istituto superiore di formazione e ricerca, attraverso uno degli ultimi esami sostenuti, Organizzazione del lavoro e sviluppo delle risorse umane, attraverso, inoltre, mie ricerche personali, condotte anche su Internet, ripensando, infine, alle mie esperienze lavorative passate, nonché al futuro che si prospettava, sono nati gli spunti per questo lavoro, che, come è naturale che sia, si è andato poi arricchendo e perfezionando nel corso del tempo in cui approfondivo la ricerca. Volevo affrontare un tema reale, in ambito lavorativo e formativo, non solo teorico, ma che affondasse le radici e trovasse degli sviluppi, con i suoi problemi, le complessità e le potenzialità, nelle attuali attività del mondo lavorativo moderno, cosicchè potessi mettere in evidenza un argomento, non solo nelle sue caratteristiche "superficiali", visibili a tutti, ma anche nei retroscena più profondi, nascosti, a cui nessuno dà peso, o che molti danno per scontato: le risorse umane. Quando si pensa alle risorse di un'azienda, infatti, per chi non ricopre ruoli che sono strettamente connessi al "problema", forse non si considera abbastanza l'uomo, le sue potenzialità, la ricchezza che costituisce per il lavoro che compie, la necessità di svilupparne le capacità, per il suo benessere e, conseguentemente, per quello dell'azienda. E, forse, è il lavoratore stesso che non è stato educato ad essere consapevole di costituire non un ingranaggio sterile di un'enorme e complessa macchina, ma la linfa vitale di un organismo vivo, pulsante ed in continuo sviluppo. Nell'odierna realtà, in effetti, queste problematiche iniziano a sentirsi con forza e ad essere affrontate in tutte i loro risvolti: sta nascendo o si sta rafforzando una nuova coscienza del lavoratore, il lavoratore come risorsa preziosa e fondamentale, e la consapevolezza di essere tutti membri di molteplici strutture e, allo stesso tempo, di un'unica organizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi