Skip to content

L'intelligence nel XXI secolo: analisi e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Valentini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Maria Pia Pagnini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

In seguito ai recenti e drammatici fatti dell’11 settembre 2001, il dibattito sul ruolo dell’intelligence nella sicurezza delle Nazioni occidentali si è intensificato in maniera esponenziale alla gravità dell’attacco subito e non adeguatamente previsto.
Ma, in realtà, è fin dai primi anni ’90 che le potenze mondiali uscite vittoriose dalla “guerra non guerreggiata” propria dello scenario della Guerra Fredda, si interrogavano sulla reale efficacia dei propri strumenti d’intelligence e security, in un contesto caratterizzato da rischi non convenzionali e minacce multidimensionali.
Un po’ in tutti i Paesi occidentali, seppur con diversi gradi di coinvolgimento politico, ci si è adoperati nel riformare strutture e modalità operative, nell’aumentare la dinamicità di un settore (quale quello dell’Intelligence) fortemente condizionato da burocrazia operativa e mentale, nello sviluppare nuove capacità di contrasto nei confronti degli emergenti network criminali organizzati a livello internazionale e transnazionale, nell’elaborare delle strategie di prevenzione e gestione degli attacchi asimmetrici portati a livello globale, in altre parole, nel ridefinire priorità, compiti e ruoli degli organismi d’intelligence in un mondo diventato di colpo “meno sicuro”.
Evidentemente ciò che è stato fatto o che si è tentato di fare non è stato abbastanza, o non è stato fatto abbastanza bene (e le fiamme che si levavano dalle Torri Gemelle in fiamme ne erano la drammatica ed evidente conseguenza), ma è indubbio che lo sforzo di tutto l’Occidente sia stato indirizzato, ed è tuttora indirizzato, ad un costante e continuo tentativo di riduzione dei margini di vulnerabilità attraverso lo sviluppo di adeguate capacità d’intelligence, da intendersi come possibilità di chiarezza e comprensione contro l’ambiguità e l’instabilità del mondo attuale.
Il presente elaborato, pertanto, si propone di tracciare e analizzare i modi e le forme del percorso di aggiornamento, di riforma e di evoluzione che attiene ai diversi settori dell’Intelligence, allo scopo, soprattutto, di valutarne le prospettive nel prossimo futuro.
Per ragioni di completezza e di inquadramento culturale della materia trattata, si è ritenuto opportuno inserire un primo capitolo puramente didattico, allo scopo di fornire le nozioni fondamentali di cultura generale in tema d’intelligence e di “fare chiarezza” riguardo ad alcuni aspetti dell’attività d’intelligence che possono risultare poco conosciuti o che, peggio, una certa semplificazione di stampo giornalistico ha presentato in maniera approssimativa e distorta.
Con il secondo capitolo, invece, si è voluto fornire un inquadramento geopolitico e geostrategico del contesto di riferimento in cui l’intelligence sarà chiamata ad operare nel XXI secolo.
Il terzo capitolo attiene al ripensamento dell’Intelligence in un’era di incertezza strategica, così come definita sulla base delle analisi svolte nei capitoli precedenti.
Pur con l’intento di fornire un quadro quanto più possibile generale della materia trattata, lo studio si è volutamente soffermato sulle specifiche tendenze evolutive prospettate nell’ambito della Comunità Intelligence più importante e più dinamica a livello mondiale, e cioè quella degli Stati Uniti d’America.
Alla specifica situazione dell’Intelligence italiana, tuttavia, è stato dedicato l’intero quarto capitolo.
E’ indubbio, infatti, che l’importanza assunta dall’Intelligence nel nostro Paese è andata crescendo sempre di più nel corso di questi ultimi anni e, nonostante la politica ancora stenti nel valorizzarne e nel legittimarne esplicitamente l’importanza (anche con interventi di tipo normativo) e l’opinione pubblica nutra nei loro riguardi una certa diffidenza a causa del ruolo poco chiaro avuto nell’ambito di vicende molto tristi della storia recente, oggi i Servizi d’Informazione e Sicurezza possono essere considerati uno dei principali strumenti di garanzia della sicurezza collettiva e di tutela dell’interesse nazionale, in un contesto di sempre maggiore impegno dell’Italia in Europa e nel mondo.
Peraltro, le prospettive di riforma e di adeguamento alle esigenze del XXI secolo dell’Intelligence italiana, sono state valutate nell’ambito della più generale valorizzazione della “cultura dell’Intelligence” che sta formandosi nel nostro Paese e della indiscutibile necessità di apertura e trasparenza con cui anche i nostri Servizi d’Informazione devono confrontarsi. (Nel testo si è tenuto debito conto del disegno di legge n. 1513, presentato dal governo Berlusconi e approvato dal Senato il 7 maggio 2003 e attualmente in discussione alla Camera dei Deputati per completare l’iter parlamentare, volto a modificare ed integrare la legge n. 801/77 recante istituzione ed ordinamento dei Servizi per l’Informazione e la Sicurezza e disciplina del Segreto di Stato. Tale ddl rappresenta l’ultima, in ordine cronologico, proposta di riforma dei Servizi d’Intelligence italiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE In seguito ai recenti e drammatici fatti dell’11 settembre 2001, il dibattito sul ruolo dell’intelligence nella sicurezza delle Nazioni occidentali si è intensificato in maniera esponenziale alla gravità dell’attacco subito e non adeguatamente previsto. Ma, in realtà, è fin dai primi anni ’90 che le potenze mondiali uscite vittoriose dalla “guerra non guerreggiata” propria dello scenario della Guerra Fredda, si interrogavano sulla reale efficacia dei propri strumenti d’intelligence e security, in un contesto caratterizzato da rischi non convenzionali e minacce multidimensionali. Era chiaro agli esperti di tutto il mondo, infatti, che quella stessa intelligence che aveva così brillantemente combattuto, e vinto, nel confronto con l’Unione Sovietica, sarebbe stata impreparata a sostenere le sfide del XXI secolo. Non che non si sia cercato di correre ai ripari, anzi: un po’ in tutti i Paesi occidentali, seppur con diversi gradi di coinvolgimento politico, ci si è adoperati nel riformare strutture e modalità operative, nell’aumentare la dinamicità di un settore (quale quello dell’Intelligence) fortemente condizionato da burocrazia operativa e mentale, nello sviluppare nuove capacità di contrasto nei confronti degli emergenti network criminali organizzati a livello internazionale e transnazionale, nell’elaborare delle strategie di prevenzione e gestione degli attacchi asimmetrici portati a livello globale, in altre parole, nel ridefinire priorità, compiti e ruoli degli organismi d’intelligence in un mondo diventato di colpo “meno sicuro”. Evidentemente ciò che è stato fatto o che si è tentato di fare non è stato abbastanza, o non è stato fatto abbastanza bene (e le fiamme che si levavano dalle Torri Gemelle ne erano la drammatica ed evidente conseguenza), ma è indubbio che lo sforzo di tutto l’Occidente sia stato indirizzato, ed è tuttora indirizzato, ad un costante e continuo tentativo di riduzione dei margini di vulnerabilità attraverso lo sviluppo di adeguate capacità d’intelligence, da intendersi come possibilità di chiarezza e comprensione contro l’ambiguità e l’instabilità del mondo attuale. Il presente elaborato, pertanto, si propone di tracciare e analizzare i modi e le forme del percorso di aggiornamento, di riforma e di evoluzione che attiene ai diversi settori dell’Intelligence, allo scopo, soprattutto, di valutarne le prospettive nel prossimo futuro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi