Skip to content

Abitare un quartiere: Roma - Il quarticciolo

Informazioni tesi

Master Universitario di II livello in Rappresentazione Fotografica dell'Architettura e dell'Ambiente
  Autore: Francesca Cozzi
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2002
Docente/Relatore: Giorgio Stockel
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

L’uomo crea, costruisce, gestisce, trasforma, vive e vede degli spazi..
L’ambiente è una creazione dell’uomo, descrivendo l’uomo si descrive l’ambiente perché è la sua espressione; l’espressione della sua cultura (uomo=ambiente).

Il senso dei luoghi deriva da conoscenza, memoria e comprensione
Si abita felicemente, insomma, nella sfera individuale – ma poi di conseguenza, anche nella sfera sociale – se riusciamo a tessere relazioni anche affettive con i luoghi ; e tanto più profonde sono le relazioni quanto più avremo tempo per frequentare quei luoghi e quanto più parranno belli. L’identificarsi con i luoghi, il far crescere radici emozionali e significative richiede frequentazioni ripetute, almeno in periodi della nostra vita adeguatamente lunghi, tempi lenti di percezione e memorizzazione. Sono queste allora le condizioni necessarie perché possano svilupparsi relazioni memorabili con i luoghi nei quali si svolge la nostra vita e per poter apprezzare la bellezza: frequentare i luoghi, sperimentarli con le diverse sensazioni corporali delle diverse ore e delle diverse stagioni, con lo stare o con il percorrerli lentamente a piedi.
Al contrario, si abita con infelicità e con disagio, o non si riesce proprio ad abitare, se non c’è tempo per approfondire le relazioni con i luoghi, perché li usiamo (consumiamo) soltanto, perchè li attraversiamo troppo velocemente, perché ci dividiamo tra troppi luoghi, o perché frequentiamo luoghi che posseggono pochi e deboli caratteri fisici distintivi, luoghi privi di bellezza.
Il rapporto con i luoghi, la propensione a far crescere radici che ci ancorino ad alcuni luoghi possiamo dunque intenderla come un bisogno profondo che è connaturato all’essere nel mondo, all’abitare il mondo fisico. Per soddisfare questo bisogno profondo occorre anche predisporre adeguati spazi.
Lo spazio che permette il crescere delle radici di relazione con i luoghi, sia relazioni esistenziali (individuali e sociali), sia relazioni percettivo-cognitive, sia relazioni estetiche è quello appartenente alla media e alla piccola dimensione (a dimensione d’uomo).

Perché il Quarticciolo, quartiere di Roma
Il Quarticciolo è un quartiere di Roma è una vecchia borgata ( verso la via Prenestina (parte est di Roma) che nasce fra il 1935-1940 come borgata ufficiale per “deportarvi” gli abitanti del centro storico colpiti dalla politica degli sventramenti di Mussolini.
La scelta del Quarticciolo è frutto della ricerca di un luogo popolare caratterizzato da una forte identità sociale e storica, pervaso da un reale senso di conquista dei propri abitanti. Persone coinvolte sentimentalmente con il loro ambiente e con un forte senso di appartenenza al luogo.
Attraverso il “mio occhio fotografico” ho voluto rappresentare la bellezza e le suggestioni di questo quartiere inteso come l’insieme della sua storia, delle architetture, degli spazi, degli abitanti e dei modi che hanno di viverlo e di sentirlo quotidianamente (“…Un luogo può definirsi come identitario, relazionale e storico…” - Marc Augè - I NON LUOGHI 1992)
La prima sensazione che ho avuto, quando sono arrivata davanti al Quarticciolo, è stata la difficoltà di varcare il confine del quartiere, simile ad una roccaforte inaccessibile, ma la curiosità per quella architettura e per l’ atmosfera quasi impalpabile che emanava mi ha spinto ad entrare.
Una volta dentro, l’istinto mi ha condotto nella trama ordinata delle vie, vere e proprie arterie del quartiere, verso i luoghi tipici delle relazioni (piazze, giardini, cortili interni…), cuore pulsante della vita sociale.
Mi sono sentita inserita in un contesto chiuso, quasi fossi un corpo estraneo causa di curiosità, preoccupazione e persino timore.
Sono diventata, quindi, oggetto di interesse e di attenzioni da parte della gente presente.
Mi hanno chiesto del perché mi trovavo lì, del perché stavo fotografando il Quarticciolo…., mentre spiegavo loro il mio progetto mi accorgevo sempre più di una grande disponibilità e accoglienza nei miei confronti e di un orgoglio per il proprio quartiere destato proprio dal mio interessamento.
Gli anziani non credevano ai loro occhi, finalmente potevano raccontare come era la loro borgata, la loro giovinezza, la loro storia.
Un sentimento misto, di vanto e disprezzo: molti si lamentavano del degrado delle case, delle piazze e della mancanza di servizi, ma alla domanda: se gli si fosse offerta l’opportunità di andarsene via dal quartiere rispondevano con un perentorio “NO”.
Questo mio percorso fotografico affronta le tematiche sociali del Quarticciolo, ne evidenzia l’identità ed in sintesi ne rappresenta l’aura (cfr. Roland Barthes – LA CAMERA CHIARA Note sulla fotografia -Paris, Seuil, 1980) e la controversa quotidianità della vita che vi si svolge.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Architettura A.A. 2001-2002 Master Universitario di secondo livello RAPPRESENTAZIONE FOTOGRAFICA DELL’ARCHITETTURA E DELL’AMBIENTE Tesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

quarticciolo
roma
urbanistica
borgate

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi