Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Figure femminili tra cinema e letteratura nella Repubblica di Weimar

La presente tesi si propone di illustrare la figura femminile nella sua percezione a cavallo tra il cinema e la letteratura, partendo dalle radici culturali mitologiche dell'"Eterno Femminile".

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I: DALLA PAGINA ALLA PELLICOLA Con questa tesi mi propongo di dimostrare in che modo Das Ewigweibliche 1 , come lo ha definito Goethe nel finale del Faust II, riemerga in qualità di protagonista, sempre cangiante nelle diverse forme ma uguale a se stesso nella sostanza, in un periodo storico-culturale quale quello della Repubblica di Weimar, che va dal 1919 al 1933, andandone a vedere anche i “presentimenti”, vale a dire prendendo in considerazione anche gli anni dal 1912-13 in poi. Il mito del Femminile è eterno e ricorre vichianamente specchiandosi nelle varie proiezioni che si vanno a creare. La percezione della DONNA cambia a seconda dell’evoluzione storico-culturale e a seconda del soggetto che percepisce; tale soggetto può essere da un lato collettivo in quanto sentire comune dal punto di vista sociale, letterario e cinematografico, dall’altro può essere anche personale quando esso sia rappresentato dalla personale visione di un autore. Si deve tenere presente in questo senso la differenza che esiste tra i vari linguaggi artistici, quello letterario e quello cinematografico. Non si tratta infatti di mera trasposizione filmica del letterario, di traduzione della realtà sociale. Il linguaggio dell’arte non può ridursi a mera riproduzione del reale, - quando lo riproduca anche fedelmente vi è sotteso spesso uno scopo, didattico o di superamento, oltre che la pura e 1 J. W. Goethe, Faust, (Vol. I e II), introduzione, traduzione con testo a fronte e note a cura di Franco Fortini, (il testo tedesco seguito per la traduzione e presentato a fronte è quello della Gedenkausgabe, a cura di Ernst Beutler, 24 vol., 1948-50), «Grandi Classici», Torino (Cles) Arnoldo Mondadori Editore 1990 I ed (Milano Arnoldo Mondadori Editore 1970, I Meridiani I ed. 1970, Biblioteca Mondadori I ed. 1980) (Faust, der Tragödie erster Teil, Cotta 1808; Faust, der Tragödie zweiter Teil, a cura di Riemer e Eckermann 1832, postumo), vol. II, p. 1056.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Laura Di Pietro Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6382 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.