Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove sostanze dopanti: effetti sull'organismo e problemi di rilevamento nei liquidi biologici

La ricerca effettuata in campo farmacologico ha permesso di evidenziare i rischi e gli effetti dannosi per l'organismo relativi all'utilizzo delle sostanze dopanti con particolare attenzione alle nuove molecole utilizzate illegalmente per il miglioramento della performance atletica.
Una parte del lavoro è dedicata allo sviluppo di nuovi metodi per il rilevamento delle sostanze dopanti nei liquidi biologici prendendo in esame la possibilità di far ricorso a più matrici biologiche quali il sangue e il capello secondo le più recenti acquisizioni metodologiche riportate dalla letteratura scientifica internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
" L'uomo ha una vocazione innata per i farmaci; il desiderio di prendere medicinali è una delle caratteristiche che distinguono l'uomo dagli altri animali " William Osler INTRODUZIONE Il significato e le origini del termine "doping" risultano piuttosto poco chiare. Pare, infatti, che il sostantivo primordiale doop, poi divenuto verbo (to dope) presso i britannici, derivi da un antico dialetto africano col significato di miscuglio, mistura o pozione. Agli inizi dell' '800 "to dope" in Nord America indicava la pratica del "drogare" i cavalli da corsa con preparati a base di tabacco e narcotici allo scopo di compromettere le prestazioni atletiche degli animali degli avversari, o per truccare i concorsi ippici a scopo di lucro. Un significato dunque negativo rispetto al più attuale che intende per doping, secondo una non più recentissima definizione, “la somministrazione, l'assunzione volontaria e l'uso da parte di atleti e di soggetti dell'ordinamento sportivo di sostanze appartenenti alle classi di agenti farmacologici proibiti, e l'impiego di metodi vietati allo scopo di alterare artificiosamente le prestazioni agonistiche”. Un'alterazione in senso migliorativo sulla performance, dunque, non lecita ed ottenuta attraverso sistemi non naturali e fisiologici come l'allenamento e la preparazione psico-fisica, bensì grazie a farmaci e metodi 2

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Gustavo Savino Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3378 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.