Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utopia e distopia in ''Die andere Seite'' di Alfred Kubin

Alfred Kubin, boemo di lingua tedesca nato nel 1877, vissuto in Germania e Austria, morto nel 1959, è diventato famoso soprattutto come pittore e disegnatore; ma accanto all'attività figurativa ne ha svolta una, non meno interessante, di scrittore. Di essa fanno parte racconti autobiografici, diari, lettere, saggi e un romanzo, Die andere Seite, pubblicato nel 1909.
Il mio lavoro è di taglio comparativo, illustra cioè Kubin e la sua opera attraverso confronti e relazioni con gli artisti che lo hanno ispirato e con i suoi contemporanei. La tesi è divisa in tre capitoli. Il primo capitolo traccia un profilo dell'autore, illustrandone la biografia, riassumendo brevemente la sua opera, delineando le sue affinità con i personaggi (narratori, filosofi, pittori) che hanno ispirato la sua arte, collocandolo nella cultura del suo tempo.
Il secondo capitolo è un'analisi delle origini di Die andere Seite: le circostanze della composizione, gli elementi autobiografici, il retroterra culturale, i legami con le altre opere di Kubin sia narrative che figurative, i legami con la cultura dell'epoca in cui è stato composto. In particolare la sezione sul retroterra culturale, intitolata "le fonti", analizza alcune corrispondenze molto strette fra Die andere Seite e i racconti di Edgar Allan Poe attraverso un confronto testuale.
Il terzo capitolo è il vero obiettivo del mio lavoro: analizzando le origini di Die andere Seite, ho scoperto alcune somiglianze con le famose antiutopie di Aldous Huxley (Brave New World) e George Orwell (Nineteen Eighty-four) e ho perciò approfondito questo aspetto, mettendo a confronto Die andere Seite con queste e altre opere del genere antiutopico (o "distopico"). Ho tracciato un parallelo fra Die andere Seite e il cinema tedesco degli anni Venti, in particolare con il filone dei "film di tiranni" e con Metropolis; infine ho concluso l'analisi con un parallelo fra le origini di Die andere Seite e quelle di alcuni romanzi distopici. Ho raggiunto così la conclusione che Die andere Seite sia effettivamente un romanzo distopico, perchè presenta tutti i canoni e gli elementi tipici del genere.
Il metodo di analisi che ho utilizzato è il seguente: ho letto vari testi di critica sulla letteratura utopica, e ogni volta in cui ho trovato in essi un concetto che poteva essere applicato a Die andere Seite, ho spiegato perchè vi poteva essere applicato. Ho inoltre mostrato analogie fra Die andere Seite e le altre opere utopiche, utilizzando di nuovo, in particolare per Brave New World e Nineteen Eighty-four, il metodo del confronto testuale.
Le citazioni più lunghe da Die andere Seite sono in tedesco, e dove è possibile, o necessario per il confronto testuale, sono in lingua originale (inglese, francese) anche le citazioni da altri testi letterari; nel caso di opere in lingue diverse da queste (russo, svedese) o dove non ho potuto reperire il testo originale, le citazioni sono più brevi, in italiano, in forma indiretta, inserite nel testo ed evidenziate da virgolette. Sono in tedesco anche le citazioni da altri scritti di Kubin, con traduzione in nota; salvo diversa indicazione, ho realizzato queste traduzioni personalmente. Dovendo indicare Die andere Seite con il titolo in lingua originale, per omogeneità stilistica ho usato i titoli originali di tutte le opere letterarie che ho citato, facendoli seguire dal titolo italiano, o traduzione del titolo originale, fra parentesi, in occasione della prima citazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi di Pavia Facoltà di Lettere e Filosofa Utopia e distopia in ''Die andere Seite'' di Alfred Kubin di Michela De Paol : Enza Gini : Claudia Sonino A. A. 1997-98 iRelatore Correlatore

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michela De Paoli Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10607 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.