Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giochi differenziali di economia aperta

La tesi che ho realizzato si basa sull'analisi della teoria dei giochi e degli aspetti connessi con l'apertura internazionale degli stati per sfociare, infine, nell'elaborazione di modello originale di gioco differenziale incentrato sull'analisi delle politiche di tasso di cambio.
Inizialmente mi sono soffermato sulla teoria dei giochi, dando particolare risalto ai giochi dinamici, giochi in cui si prende in considerazione anche l'aspetto temporale e che permenttono quindi analisi più attinenti con la realtà. Nell'ambito dei giochi dinamici mi sono in particolar modo concentrato sui giochi differenziali, giochi in cui si considerano variazioni continue di tempo delle variabili d'interesse, soffermadomi sui metodi possibili per risolversi, quali il principio di Bellman e il principio del massimo, e quindi sull'analisi della funzione hamiltoniana.
Successivamente ho effettuato una panoramica dell'economia internazionale, presentando inizialmente i principali modelli di commercio internazionali e concentrandomi in seguito sulle politiche macroeconomiche in economia aperta; in particolar modo mi sono dedicato alla trattazione delle varie forme di politiche commerciali protezionistiche effettuabili dai governi nazionali e all'analisi del modello IS-LM-BP, il quale analizza le conseguenze per la società in seguito all'attuazione di poliche fiscali, monetarie e della bilancia dei pagamenti; da tale trattazione deriva come il tasso di cambio assuma un ruolo fondamentale nell'analisi dell'aperta internazionale degli stati.
L'ultimo passo compiuto, che è anche quello principale, è stato quello di ideare un gioco differenziale di politiche di tasso di cambio; nel gioco realizzato si considerano due paesi, ognuno dei quali vorrà ottenere il maggiore benessere sociale possibile dall’apertura con l’estero. Per realizzare ciò ho posto come variabile di stato da indagare il tasso di cambio, mentre le variabili controllate da ogni paese sono la spesa pubblica e l'offerta di moneta. Dall'analisi del gioco ho trovato le funzioni di reazione di ogni paese mettendo così in risalto l'interdipenza delle scelte effettuate da ogni paese le quali decisioni così in un contesto di scambi con l'estero incidono anche sul benessere dell'altro stato

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questa tesi verte sulla trattazione della teoria dei giochi e degli aspetti connessi con l’apertura degli stati al commercio mondiale, per sfociare, infine, nell’elaborazione di un modello originale che presenta un gioco differenziale di politiche di tasso di cambio. Le motivazioni che mi hanno indotto a concentrarmi su questo tema derivano dal desiderio di analizzare un campo, qual è quello della teoria dei giochi, in continua evoluzione. Attraverso l’utilizzo della disciplina della teoria dei giochi è, infatti, possibile studiare una molteplicità di fenomeni sia economici che fenomeni anche non attinenti strettamente alle scienze economiche. Nel mondo reale i fenomeni di interdipendenza strategica sono così frequenti che quasi non ci si rende conto del loro esplicarsi, finendo per considerarli come fenomeni naturali insiti nel divenire degli avvenimenti. Il ruolo delle scienze economiche è quello di studiare una parte degli avvenimenti che accadono mondo reale, e specificatamente quelli concernenti il tema della ricchezza, motivo per cui anche all’interno dei fenomeni economici esistono innumerevoli situazioni nelle quali l’evoluzione degli accadimenti stessi avviene in condizione in cui le azioni di ogni individuo influiscono, oltre che su se stessi, anche sui risultati altrui. La seguente elaborazione, in particolare, verterà principalmente sull’analisi dei giochi differenziali. I suddetti giochi rientrano in una specifica categoria nella quale l’analisi economica condotta considera anche le eventuali variazioni delle variabili nel tempo; tale categoria è quella dei cosiddetti giochi dinamici, che è la formulazione generale per indicare i giochi in cui si osserva la variazione delle variabili nel tempo; nel caso specifico dei giochi differenziali la dinamica temporale è formulata mediante variazioni continue nel tempo delle variabili indagate. L’importanza dei giochi differenziali, e in generale dei giochi dinamici, risiede nella considerazione che l’evoluzione degli avvenimenti che si susseguono nella realtà è fortemente condizionata dal fluire del tempo, e quindi si avrà che il valore di una qualsiasi variabile sarà influenzato dal tempo considerato e sarà

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angelo Pagano Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12964 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.