Skip to content

Il bilancio di esercizio e determinazione del reddito fiscalmente imponibile. Gli effetti della riforma Irap-Dit sulle decisioni delle imprese.

Informazioni tesi

  Autore: Fabiano Contrafatto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Roberto De Cicco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 267

Questo lavoro analizza la tassazione del reddito di impresa in Italia, in particolare per le società di capitali, con particolare riferimento alle novità introdotte dalle recenti normative in materie. Si tratta la riforma fiscale Visco, che da più di un anno dalla sua nascita, interessa gli studi e suscita l’attenzione di economisti, politici, e di parti sociali.
A tal fine è indispensabile trattare come punto di partenza l’esame del bilancio di esercizio, che è il documento di sintesi con il quale a fine esercizio sono esposti i valori relativi al patrimonio e alla formazione del risultato economico dell’impresa. sarebbe impossibile studiare e presentare la riforma IRAP DIT senza conoscere in modo approfondito i principi che stanno alla base della redazione del bilancio, i criteri che disciplinano l’imposizione, le interferenze fiscali al risultato ante imposte, l’avvicinamento tra reddito civilistico e reddito imponibile.
Riguardo al bilancio analizzato sotto l’aspetto civilistico, si sono esposti i principi contabili, con particolare attenzione a quelli che hanno un rapporto diretto con le novità fiscali introdotte dalla riforma. Importante è, il concetto di “ neutralità”, o quello di imposizione differita. In effetti, la riforma si basa, e come dicono alcuni commentatori trova la sua bussola proprio sui principi contabili che regolano la redazione del bilancio d’esercizio( si parlerà del principio contabile n.12 in particolare), e su una particolare nozione di reddito di impresa( valore aggiunto). Si è poi esaminato l’aspetto fiscale, considerando il fatto che la normativa fiscale non dovrebbe influire sulla formazione del bilancio di esercizio e che vi sono differenze tra utile di esercizio reddito fiscalmente imponibile. Questa prima parte contiene anche l’introduzione alla riforma Visco, gli obiettivi della riforma stessa e le ragioni "teoriche" della sua introduzione nell’economia italiana: vengono presentati gli obiettivi della riforma: IRAP e DIT , diverse tra loro nei presupposti, hanno finalità, se non simili, quanto meno “ complementari” e sinergici e sono volte al raggiungimento di un comune obiettivo. Tale riforma introduce profonde modifiche strutturali nel sistema tributario vigente, attuando un decentramento di prelievo dallo stato alle regioni, alle quali, almeno in teoria, come si dirà, viene riconosciuta una maggiore autonomia finanziaria per lo svolgimento delle loro politiche di bilancio.
All’analisi del bilancio di esercizio, nei suoi aspetti civilistici e fiscali, e all’introduzione degli aspetti e delle finalità della riforma, segue, nella seconda parte del lavoro, l’esame delle imposte gravanti sulle società di capitali, confrontando la vecchia normativa composta da IRPEG e ILOR, e nuova normativa introdotta dalla riforma, che comprende anche l’IRAP e la DIT. La descrizione delle imposte si basa segnalandone gli aspetti fondamentali, quali presupposto e periodo di imposta, soggetti passivi, base imponibile e così via. Alla fine di questa seconda parte, viene presentato un breve capitolo sulla dichiarazione dei redditi, senza andare in dettagli tecnici che trascendono il fine di questo lavoro.
E la terza infine, considera la riforma nel suo complesso, considerando le aspettative dei fautori della riforma, gli errori di calcolo e di previsione, lo scostamento fra gli obiettivi sperati e i risultati realmente raggiunti, gli effetti della riforma sulle decisioni di investimento delle imprese, e sulla loro struttura finanziaria. Naturalmente ci si basa ancora una volta sulla discussione dei bilanci delle società di capitale per prevenire eventuali aumenti nel rischio di credito. Anche se dalla relazione governativa si evince che l’applicazione di IRPEG+ IRAP porta ad una tassazione di circa 12 punti in meno rispetto alla normativa precedente, la correttezza di questo calcolo non è condivisa dalla categoria dei dottori commercialisti e dei ragionieri...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione al lavoro Questo lavoro analizza la tassazione del reddito di impresa in Italia, in particolare per le società di capitali, con particolare riferimento alle novità introdotte dalle recenti normative in materie. Si tratta la riforma fiscale Visco, che da più di un anno dalla sua nascita, interessa gli studi e suscita l’attenzione di economisti, politici, e di parti sociali. A tal fine è indispensabile trattare come punto di partenza l’esame del bilancio di esercizio, che è il documento di sintesi con il quale a fine esercizio sono esposti i valori relativi al patrimonio e alla formazione del risultato economico dell’impresa. sarebbe impossibile studiare e presentare la riforma IRAP DIT senza conoscere in modo approfondito i principi che stanno alla base della redazione del bilancio, i criteri che disciplinano l’imposizione, le interferenze fiscali al risultato ante imposte, l’avvicinamento tra reddito civilistico e reddito imponibile. Riguardo al bilancio analizzato sotto l’aspetto civilistico, si sono esposti i principi contabili, con particolare attenzione a quelli che hanno un rapporto diretto con le novità fiscali introdotte dalla riforma. Importante è, il concetto di “ neutralità”, o quello di imposizione differita. In effetti, la riforma si basa, e come dicono alcuni commentatori trova la sua bussola proprio sui principi contabili che regolano la redazione del bilancio d’esercizio( si parlerà del principio contabile n.12 in particolare), e su una particolare nozione di reddito di impresa( valore aggiunto). Si è poi esaminato l’aspetto fiscale, considerando il fatto che la normativa fiscale non dovrebbe influire sulla formazione del bilancio di esercizio e che vi sono differenze tra utile di esercizio reddito fiscalmente imponibile. Questa prima parte contiene anche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bilancio di esercizio
dit
irap
reddito imponibile
revisione aziendale
imposta regionale sulle attività produttive
dual income tax

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi