Skip to content

Il banditismo in Sardegna tra progetti di rinascita e società del malessere

Informazioni tesi

  Autore: Agnese Chiara Farigu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Carlo Felice Casula
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 222

Il presente lavoro, sebbene si prefigga lo scopo di esaminare una specifica fase ed un particolare aspetto del banditismo sardo, non può non risalire alle sue origini storiche e non ripercorrerne le tappe salienti fino alla fine del secondo conflitto mondiale: alcune sue manifestazioni apparirebbero, altrimenti, prive di senso.
La speranza di chi scrive è di essere riuscita ad aprire una piccola breccia nella spessa cortina dei pregiudizi, degli stereotipi sul fenomeno del banditismo sardo, complesso, come già detto, e per alcuni versi ancora inesplorato; di essere riuscita nello scopo che, primo fra tutti, si prefiggeva: dare una risposta non necessariamente esaustiva ai suoi tanti interrogativi.
E' proprio vero che si delinque in Sardegna più che in altre regioni italiane? E, se sì, perché questo avviene? Qual è la ragione per cui lo si fa con tanta disumana barbarie? Di chi sono le maggiori responsabilità?
Sono senz' altro da respingere le aberranti tesi di alcuni autorevoli esponenti della cosiddetta scuola antropologica positiva, segnatamente del Niceforo e del Lombroso, secondo i quali nelle vene dei Sardi della "zona delinquente" scorrerebbe un sangue irrimediabilmente infetto dal virus della violenza. Certamente è da considerare anche il tempo in cui tali teorie furono formulate e sostenute, ma pare assurdo che siano state enunciate senza che contro di loro si levassero voci di protesta da parte di intellettuali qualificati. Sorprende che una grande scrittrice sarda, insignita perfino del premio Nobel per la letteratura, abbia in qualche modo dato credito a certe ipotesi, accompagnando Lombroso attraverso le regioni della Barbagia e dell'Ogliastra, ben sapendo quali fossero gli obiettivi che le misurazioni di visi e di crani che quegli andava meticolosamente prendendo, si prefiggevano; quale fosse il teorema che l' amico scienziato intendeva dimostrare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Breve sintesi della tesi di laurea "Il banditismo in Sardegna tra piani di rinascita e società del malessere", discussa da Agnese Chiara Farigu in data 9. 07. 03 presso l'Università Roma Tre. Il lavoro nasce dall'intento dell'autrice, una sarda, di dare risposta ad interrogativi che l' hanno angosciata sin dall'infanzia: è proprio vero che la Sardegna è terra di banditi? che in essa si delinque più che in altre regioni? E, se questo è vero , perché ciò avviene? Per raggiungere lo scopo ha analizzato la questione sarda a partire dalle sue origini ma focalizzando la sua attenzione su uno dei periodi più inquietanti della storia del banditismo sardo, quello che va tra il primo ed il secondo piano di rinascita. La questione sarda è soprattutto una questione barbaricina. La Barbagia è una sorta di isola nell' isola, una regione aspra, selvaggia, montuosa, per secoli, se non per millenni, impenetrabile, inaccessibile per chiunque non fosse un suo nativo. É qui che ha attecchito e proliferato il triste fenomeno del banditismo che tanta eco ha avuto nel mondo e tanto fango ha contribuito a far gettare sul buon nome della gente sarda. Il fenomeno è stato studiato, analizzato, discusso a lungo ma è tuttora per molti versi permane misterioso. É stato combattuto tenacemente, quasi sempre con metodi repressivi, polizieschi, ma non è stato mai estirpato. Ha conosciuto momenti di letargo, che hanno fatto sperare fosse ormai estinto, ma è sempre risorto e riesploso in forme ancor più virulenti. E anche oggi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi