Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I segni della territorialità. Architettura in Valdelsa tra alto e basso medioevo

La tesi sviluppa il concetto giuridico della territorialità all'architettura: a ciascun territorio corrisponde un modo di fare architettura e con questo chi governa segna il proprio territorio. L'area di studio scelto è la Valdelsa, posta al centro della Toscana e segnata da confini politici ed ecclesiastici che individuano aree di influenza culturale diversa: Lucca, Volterra, Firenze, Siena. Il passaggio della via Francigena rende ulteriormente interessante questo territorio che può attraverso di essa stabilire rapporti culturali sovraregionali, che mettono alla prova le ipotesi di partenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La tesi che qui si tenterà di dimostrare è che, in un contesto spazio-temporale ben definito, l'architettura, costituita da materiali, forme, pratiche e modelli costruttivi, si fa segnale dell'appartenenza del territorio a dominî di carattere politico, religioso e/o economico. Prendendo in prestito dall'etologia1 il concetto di «territorialismo» - secondo cui nel regno animale gli individui tendono a conquistare un proprio territorio marcandolo con segni inequivocabili e invalicabili per i conspecifici non appartenenti al proprio gruppo2 - si può vedere nell'attività edificatoria dell'uomo il tentativo di delimitare-proteggere-segnalare l'area in cui si è stabilito3. In questo senso, l'architettura4 è uno degli strumenti più usati in quanto mezzo espressivo capace, al pari degli altri linguaggi artistici, di comunicare concetti e mettere l'uomo in relazione con la realtà; gli elementi simbolici5 che caratterizzano e delimitano il territorio permettono la percezione visiva delle sue divisioni e, attraverso queste, delle sue qualità, della sua estensione, se non della sua stessa esistenza6. 1 Cfr. D. MAINARDI, Territorio. Etologia, in: Enciclopedia Europea, Garzanti, Milano, 1981, ad vocem. Accostamenti tra etologia e storia del territorio sono anticipati in G. SERGI (1986), 33. 2 Salvo che per i sottomessi e gli appartenenti allo stesso gruppo, che spesso identifica i propri segnali con quelli dell'individuo più forte a cui il territorio appartiene. 3 Alla stessa legge obbediscono le società umane che si spartiscono il suolo, identificando i segni di riconoscimento della collettività con quelli del membro più potente o rappresentativo. L'identificazione è biunivoca: infatti, se il gruppo si identifica col proprio dominatore-rappresentante assumendone i modelli e legando le proprie fortune alle sue, quest'ultimo si identifica col gruppo assumendone il controllo ed il patronato e facendo propri i modelli elaborati dal gruppo (l'État c'est moi). 4 Per i contenuti di questo capitolo siamo debitori in particolar modo al saggio di V. FRANCHETTI PARDO (1989), a cui si rimanda per le utili e stimolanti indicazioni bibliografiche dall'apertura interdisciplinare. 5 In un contesto antropologico-culturale evoluto, la conoscenza passa inevitabilmente ed esclusivamente attraverso un sistema di segni convenzionali. 6 "Nel Medioevo, lo spazio è al tempo stesso la conquista di territori, d'itinerari, di luoghi e l'elaborazione della rappresentazione di questi spazi." Cit. J. LE GOFF (1981), XXVIII. Sul rapporto tra territorio e simboli che lo definiscono (parole e oggetti): "Non si potrà mai valutare abbastanza l'importanza culturale della definizione di un'area qualitativamente diversa da quanto la circonda. Il temenos è la forma archetipa dello spazio significativo, e costituisce il punto di partenza per l'insediamento dell'uomo. In Giappone, come ha dimostrato Günter Nitschke, dal processo di

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Marco Frati Contatta »

Composta da 373 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2088 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.