Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione delle politiche del Fondo Sociale Europeo

Il percorso di ricerca intrapreso nella tesi è stato indirizzato verso il contesto della valutazione con riferimento alle politiche cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo (nell'ambito dell'Obiettivo 3: sviluppo delle risorse umane), evidenziando le questioni fondamentali e fornendo le indicazioni intraprese per il suo sviluppo futuro. dal presente lavoro risulta che i passi fatti nel campo della valutazione siano stati importanti:gli interventi rivolti all'inserimento professionale dei disoccupati, dei giovani, le pari opportunità, gli interventi di rafforzamento dei sistemi nazionale e regionale, sul raccordo e l'integrazione fra formazione, istruzione e lavoro. La valutazione trova in questi seppur positivi risultati, dei limiti. Si tratta di limiti legati all'uso di metodi ancora troppo teorici. Dal punto di vista metodologico e dei risultati ottenuti, si rileva molto utile la ricostruzione e la valutazione che viene eseguita, tramite opportuni modelli econometrici, dell'impatto dell' obiettivo 3 sui beneficiari degli interventi e sui sistemi di formazione.
Il presente lavoro contiene nell'ultima parte un modello di regressione logistica in cui si dimostra l'efficacia della formazione professionale sulla probabilità di trovare occupazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Questa ricerca rappresenta un approccio teorico-sperimentale per analizzare il ritorno economico-sociale e le metodologie applicate per l’analisi della valutazione delle politiche cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo nell’ambito di uno specifico obiettivo d’intervento: l’Obiettivo 3. L’Obiettivo 3, finanziato esclusivamente dal Fondo sociale europeo, ha lo scopo di favorire l’adeguamento e l’ammodernamento delle politiche e dei sistemi d’istruzione, formazione e occupazione delle Regioni italiane del Centro- Nord. Il Fondo Sociale Europeo viene istituito con il Trattato di Roma nel 1957 e ha sin dall’inizio rappresentato lo strumento finanziario dell'Unione volto a sostenere la Strategia europea per l'occupazione per prevenire e combattere la disoccupazione ed investire nelle risorse umane, promuovendo un alto livello di occupazione e di integrazione sociale, la parità tra uomini e donne e la coesione economica e sociale. A seguito della validità delle azioni intraprese e dell’efficacia riscontrata dalle azioni del Fondo sociale europeo, nel 2000 è stato aperto un nuovo periodo di programmazione, frutto di un ampio processo di riforma che riguardato la strategia e le priorità di intervento nonché le procedure di programmazione, attuazione, gestione e controllo. A tale proposito, sia per l’ottimizzazione delle risorse disponibili e, a maggior ragione, nel caso di risorse limitate, è fondamentale che queste siano utilizzate al meglio. La valutazione è un principio di base per aiutare a decidere bene, a gestire bene gli interventi e quindi a utilizzare bene le risorse disponibili. Essa è stata ed è effettuata in diversi momenti della

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Budano Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2756 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.