Skip to content

Aspetti classificativi, biologici e medico-legali dei biomateriali

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Gilardi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Luigi Donati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 252

I biomateriali rappresentano un presidio medico chirurgico molto utilizzato. Esistono diverse definizioni di biomateriali: nel 1982 il NIH li ha definiti come ''ogni sostanza o combinazione di sostanze, diverse dai farmaci, d'origine sintetica o naturale, che può essere impiegata per qualsiasi periodo, da sola o come parte di un sistema che tratta, aumenta o sostituisce un qualsiasi tessuto, organo o funzione del corpo''. Nel 1992 Black ha definito biomateriale ''un materiale non vivente usato in un dispositivo medico, progettato per interagire con i sistemi biologici''. Fondamentale in questo campo è, infatti, la collaborazione fra diverse discipline, medicina e ingegneria soprattutto, tesa a realizzare nuovi dispositivi che svolgono una funzione ben precisa nell'organismo senza però influire sul normale equilibrio di quest'ultimo. Il loro impiego è diventato sempre più ampio e riveste un ruolo fondamentale nella chirurgia ma non solo; basti pensare alle protesi vascolari, alle valvole cardiache, alle membrane dializzatrici, ai fili di sutura, alle protesi dentarie, endoculari, ortopediche e così via.
Gli scopi per i quali questi dispositivi sono utilizzati sono molteplici e comprendono:
* la sostituzione di parti mancanti o malate es. le protesi d'anca;
* il ripristino di capacità funzionali es. il pace-maker;
* la correzione di anormalità funzionali o estetiche es. le protesi mammarie;
* l'ausilio nella diagnosi e nella terapia es. cateteri, drenaggi.
Un concetto molto importante che occorre introdurre prima di proseguire, è quello della biocompatibilità, intesa come la capacità di un biomateriale di determinare, nei tessuti circostanti e più in generale nell'organismo, una risposta ''favorevole'' alla sua presenza.
Un'importante distinzione deve essere fatta fra biomateriali eubiotici e biomateriali xenobiotici: i primi originano da esseri viventi; gli altri sono di origine industriale, sintetica.

§ I.1 Biomateriali eubiotici:
Con questo termine s'indicano i biomateriali di origine biologica che, dopo opportuni trattamenti, sono inseriti nell'organismo umano. Il vantaggio dei biomateriali eubiotici è quello di avere un'ottima biocompatibilità, però hanno lo svantaggio di essere limitati in quantità e di essere possibili veicoli di trasmissione di infezioni.

§ I.2 Biomateriali xenobiotici:
Vengono classificati sulla base della loro composizione chimica in materiali metallici, polimeri, materiali ceramici. Alla loro progettazione cooperano studiosi di varie discipline: ci sono ingegneri che studiano le proprietà dei materiali e progettano dispositivi che rispecchino nella forma e nella funzione i corrispettivi biologici, ci sono biologi e fisiologi che studiano l'istopatologia ma anche l'immunologia e i modelli sperimentali, ci sono infine i medici delle varie discipline che svolgono studi clinici sui vari biomateriali. Gli svantaggi dei biomateriali xenobiotici sono rappresentati da una minore biocompatibilità, tuttavia possiedono il vantaggio di una maggiore affidabilità tecnica, di una maggiore disponibilità quantitativa e di una sicura sterilità all'impianto. La loro natura sintetica permette inoltre una gamma molto ampia di progettazioni, tese a soddisfare le esigenze più disparate.
Lo scopo di questa tesi, consiste nel fornire una vasta revisione della letteratura esistente riguardo ai biomateriali xenobiotici e alle problematiche cliniche ad essi inerenti. Il secondo capitolo è costituito da una panoramica tecnica dei vari materiali distinti per natura in metalli, polimeri e ceramiche. Il terzo capitolo è dedicato alla biocompatibilità dei biomateriali, ossia è una revisione degli studi fatti al fine di migliorare l'integrazione fra organismo e biomateriale; si tratteranno nel dettaglio gli aspetti della reazione infiammatoria acuta, la flogosi cronica e l'emocompatibilità....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I - INTRODUZIONE I biomateriali rappresentano un presidio medico chirurgico molto utilizzato. Esistono diverse definizioni di biomateriali: nel 1982 il NIH li ha definiti come "ogni sostanza o combinazione di sostanze, diverse dai farmaci, d'origine sintetica o naturale, che può essere impiegata per qualsiasi periodo, da sola o come parte di un sistema che tratta, aumenta o sostituisce un qualsiasi tessuto, organo o funzione del corpo". Nel 1992 Black ha definito biomateriale "un materiale non vivente usato in un dispositivo medico, progettato per interagire con i sistemi biologici".1 Fondamentale in questo campo è, infatti, la collaborazione fra diverse discipline, medicina e ingegneria soprattutto, tesa a realizzare nuovi dispositivi che svolgono una funzione ben precisa nell'organismo senza però influire sul normale equilibrio di quest'ultimo. Il loro impiego è diventato sempre più ampio e riveste un ruolo fondamentale nella chirurgia ma non solo; basti pensare alle protesi vascolari, alle valvole cardiache, alle membrane dializzatrici, ai fili di sutura, alle protesi dentarie, endoculari, ortopediche e così via. Gli scopi per i quali questi dispositivi sono utilizzati sono molteplici e comprendono: • la sostituzione di parti mancanti o malate es. le protesi d'anca; • il ripristino di capacità funzionali es. il pace-maker; • la correzione di anormalità funzionali o estetiche es. le protesi mammarie;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biocompatibilità
biomateriali
cancerogenicità
chirurgia plastica
silicone
tossicità
tossine
valvole cardiache

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi