Skip to content

La multidimensionalità del digital divide e il ruolo della Pubblica Amministrazione

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Villanova
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Fabio Amatucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 288

L’accelerazione tecnologica che stiamo vivendo ha reso disponibili tecnologie di comunicazione e informazione (ICT) sempre più potenti, capaci di trasformare profondamente le organizzazioni pubbliche e private. Queste tecnologie si sono rivelate strumenti straordinari per i Governi dei Paesi per migliorare la qualità, la velocità, l’affidabilità dei servizi offerti ai cittadini ed alle imprese. Purtroppo le nuove tecnologie, Internet in particolare, non sono per tutti, e se alcuni Paesi hanno potuto efficacemente “testarle” e godere dei loro benefici, altre zone, da sempre ai margini del progresso e dello sviluppo, hanno vissuto questa situazione da “spettatori”, restando nella loro drammatica arretratezza e portando agli occhi dell’opinione pubblica e dei Governi di tutto il mondo il problema del digital divide, la condanna alla marginalizzazione delle aree geografiche e dei gruppi sociali che non hanno accesso alle tecnologie digitali; che entrano, pertanto, nel circolo vizioso di una nuova povertà: quella dell’analfabetismo informatico, che esclude dal lavoro, dalla conoscenza e dalle nuove economie di scambio. Come vedremo nella prima parte della tesi, si tratta di un problema a più dimensioni, difficile da controllare proprio perché legato ad innumerevoli variabili e discriminanti, di carattere geografico, economico, sociale, politico, demografico. Un problema che presenta diverse connotazioni a vari livelli, che si pone in termini assoluti a livello globale, data la difficoltà ormai cronica del Sud del Mondo ad accedere alle nuove tecnologie; un problema che si pone in termini diversi in altre zone geografiche, nelle aree marginali dei Paesi più sviluppati, dove è vero che alcune zone hanno problemi di accessibilità, ma è anche vero che in tali casi il digital divide riguarda la difficoltà di accesso alle nuovissime tecnologie Internet, in particolare la Banda Larga. Questo significa che, mentre in alcune zone del globo la gente ha enormi difficoltà di comunicazione, in altre zone si pensa invece ad andare sempre più veloci, spinti dalla frenesia del processo di innovazione. Secondo la Legge di Metcalfe, l’utilità di una Rete è pari al quadrato del numero dei suoi utilizzatori. Vale a dire che le tecnologie si sviluppano in modo esponenziale: pertanto, laddove presenti, cresceranno ad una velocità sempre maggiore, mentre laddove il loro valore è pressochè vicino a zero, esse si svilupperanno in modo infinitesimale. Il punto di massa critica è stimato nella diffusione d’uso del computer nel 25-30% dei nuclei familiari. Orbene, mentre l’Italia (che resta comunque leggermente al di sotto della media degli altri Paesi Europei) ha superato questa massa critica assestandosi intorno al 33% a fine 2001 (stima Eurobarometer, ma negli ultimi anni questo dato è cresciuto ulteriormente), assai meno rosea è la situazione nei Paesi in Via di Sviluppo. Vediamo, in concreto, cosa è accaduto, cosa accade, e quali sono le prospettive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREMESSA L’accelerazione tecnologica che stiamo vivendo ha reso disponibili tecnologie di comunicazione e informazione (ICT) sempre più potenti, capaci di trasformare profondamente le organizzazioni pubbliche e private. Queste tecnologie si sono rivelate strumenti straordinari per i Governi dei Paesi per migliorare la qualità, la velocità, l’affidabilità dei servizi offerti ai cittadini ed alle imprese. Purtroppo le nuove tecnologie, Internet in particolare, non sono per tutti, e se alcuni Paesi hanno potuto efficacemente “testarle” e godere dei loro benefici, altre zone, da sempre ai margini del progresso e dello sviluppo, hanno vissuto questa situazione da “spettatori”, restando nella loro drammatica arretratezza e portando agli occhi dell’opinione pubblica e dei Governi di tutto il mondo il problema del digital divide, la condanna alla marginalizzazione delle aree geografiche e dei gruppi sociali che non hanno accesso alle tecnologie digitali; che entrano, pertanto, nel circolo vizioso di una nuova povertà: quella dell’analfabetizzazione informatica, che esclude dal lavoro, dalla conoscenza e dalle nuove economie di scambio. Come vedremo nella prima parte della tesi, si tratta di un problema a più dimensioni, difficile da controllare proprio perché legato ad innumerevoli variabili e discriminanti, di carattere geografico, economico, sociale, politico, demografico. Un problema che presenta diverse connotazioni a vari livelli, che si pone in termini assoluti a livello globale, data la difficoltà ormai cronica del Sud del Mondo ad accedere alle nuove tecnologie; un problema che si pone in termini diversi in altre zone geografiche, nelle aree marginali dei Paesi più sviluppati, dove è vero

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi