Skip to content

Storia del Sudafrica e dell'Apartheid

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Palla
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Maurizio Vernassa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

In questa tesi vengono esposti i principali avvenimenti storici che in Sudafrica hanno portato alla nascita, alla perpetuazione e alla smantellamento del regime dell’apartheid.
La politica di apartheid consisteva nel mantenere la separazione sociale e razziale tra i vari gruppi etnici e a combinare tali divisioni con ripartizioni geografico-territoriali. Il suo obiettivo era quello di concentrare non solo il potere politico, ma anche le ricchezze economiche e il benessere sociale nelle mani della minoranza bianca.

Della storia del Sudafrica ho voluto mettere in evidenza i fatti che hanno avuto un nesso con l’instaurazione dell’apartheid, quali ad esempio: la colonizzazione britannica, la guerra anglo-boera, la nascita del nazionalismo afrikaner. Attraverso un’analisi dettagliata di questi avvenimenti è possibile arrivare a comprendere i motivi che hanno portato all’affermazione di tale regime.

Nella parte centrale della tesi ho voluto analizzare sistematicamente la struttura legislativa, politica e organizzativa che ha permesso, dal 1948 al 1976, la messa in atto della segregazione razziale e le sue conseguenze, quali la lotta da parte degli oppositori al regime che ha portato ad una vera e propria guerra civile.

Nell’ultima parte ho trattato i fatti che hanno portato allo smantellamento dell’apartheid, quali: l’elezione di Frederich Willem De Klerk a presidente della repubblica nel 1989, la scarcerazione di Nelson Mandela nel 1990, le prime elezioni democratiche del 27 aprile 1994, che porteranno alla presidenza di Mandela e all’approvazione di una nuova Costituzione che sancisce l’esclusione di qualsiasi discriminazione basata su razza, sesso, età, orientamento sessuale e che abolisce la pena di morte.
Infine ho voluto analizzare l’atteggiamento della comunità internazionale rispetto al regime di apartheid, in particolare le reazioni concretizzate in risoluzioni di dura condanna da parte delle Nazioni Unite.

In appendice ho allegato il rapporto annuale del 2003 pubblicato da Amnesty International che riassume le denunce e le violazioni dei diritti umani che tuttora vengono messe in atto il Sudafrica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO PRIMO Le origini Non è facile scegliere una data, uno spartiacque dal quale cominciare a raccontare cosa è successo in questo Paese immenso, grande quasi come mezza Europa, che con i suoi 1.123.226 km. occupa l’intero cono meridionale dell’Africa. Nella regione sono stati rinvenuti resti di ominidi risalenti a oltre 2 milioni di anni fa. Verso il X secolo a.C. vi si stabilirono 2 popolazioni: • i koi-koi (chiamati dagli europei ottentotti): pastori, che oggi sono pressoché scomparsi dopo la caccia spietata di cui furono oggetto per tutto il XVII secolo da parte degli allevatori boeri; • i san (chiamati dagli europei boscimani): cacciatori-raccoglitori, poche migliaia dei quali sopravvivono ancora oggi solo nei deserti in cui l’uomo bianco mai avrebbe potuto sopravvivere: il Kalahari e il Namib. 1 Successivamente vi si stabilirono anche: • gli zulu: di origine bantu, la cui storia comincia nel XIX secolo dopo Cristo • gli xhosa: anch’essi di origine bantu, pare abbiano iniziato a stanziarsi fin dagli inizi del 1700 oltre il fiume Kei, nella terra tra il corso del Kei e del Fish, dove si stavano insediando anche i pastori boeri. Di qui i frequenti scontri per il controllo delle terre da pascolo che sfociò in ben otto guerre, dette “guerre cafre”, la prima delle quali ha inizio nel 1778. 2 1 J. D. Fage, Storia dell’Africa, Torino, SEI, 1995, p.13. 2 J. D. Fage, op. cit., p. 27.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi