Skip to content

Germaine Dulac e l'avanguardia cinematografica degli anni venti

Informazioni tesi

  Autore: Bruna Lo Biundo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Luciana Grasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

Durante la Prima Guerra Mondiale la cinematografia francese aveva subito una battuta d’arresto ed era stata nel frattempo surclassata dall’industria hollywoodiana. Le case di produzione tentarono così di reagire aprendo le porte ad una nuova generazione di cineasti (Abel Gance, Louis Delluc, Germaine Dulac, Jean Epstein, Marcel L’Herbier) che si battevano, attraverso scritti teorici e realizzazioni sperimentali, per il riconoscimento artistico del cinema.
Fino ad allora le riflessioni sul nuovo mezzo espressivo si erano limitate a sporadici articoli pubblicati su quotidiani e riviste d’informazione generale. Negli anni Venti la creazione di pubblicazioni indipendenti, sale specializzate, cineclub orientati verso la riflessione estetico-teorica, determinò un evidente salto di qualità del pensiero sul cinema. I numerosi interventi che, non solo i primi teorici del cinema, ma anche intellettuali ed artisti lontani dall’ambiente cinematografico pubblicarono su quelle riviste, sono la testimonianza del vivace interesse che l’industria cinematografica suscitò negli ambienti artistici per le possibilità di esplorazione di un nuovo linguaggio che questa offriva. L’interesse degli intellettuali per l’invenzione dei fratelli Lumière, che oggi potrebbe sembrare un fatto scontato, fu ancor più sorprendente poiché fino agli anni Venti il cinema era considerato un divertimento da fiera, rivolto quindi agli strati incolti della società. E’ necessario tracciare rapidamente lo stato evolutivo della cinematografia francese dalle origini agli anni Venti per comprendere le basi teoriche delle riflessioni dell’avanguardia che tentarono di riformulare uno statuto artistico del cinema, liberandosi dai falsi pregiudizi che molti nutrivano per la nuova invenzione.

Sintesi della tesi di laurea

La teorica e cineasta Germaine Dulac, spesso trascurata dalla critica cinematografica e dalla storiografia specializzata, ha svolto un ruolo di primaria importanza nel processo di riconoscimento artistico del cinema che segna il passaggio dal termine “cinématographe”, caro ai fratelli Lumière, alla definizione “septième art”, coniata da Ricciotto Canudo all’inizio degli anni Venti. Negli anni della “folle époque”, segnati dalla frenetica ricerca di modernità di cui il movimento surrealista è la più emblematica espressione, il cinema si propone come linguaggio artistico innovatore, ma soprattutto ancora inesplorato. Molti artisti si cimentano allora nella scrittura o nella realizzazione di opere filmiche allo scopo di potenziare le loro possibilità creative. Tra gli altri, l’autore teatrale Antonin Artaud che scrive varie sceneggiature, una delle quali La coquille et le clergyman del 1927, viene realizzata dalla stessa Dulac. Oltre ad essere considerato il primo film di espressione surrealista, quest’opera deve la sua celebrità anche alla storica bagarre provocata da André Breton e compagni alla prima dello “Studio des Ursulines” che degenerò nella semidistruzione della sala. I surrealisti presenti, schieratisi in difesa del momentaneo affiliato Antonin Artaud (è noto che i rapporti fra quest’ultimo e il movimento furono piuttosto burrascosi), accusarono la cineasta di aver travisato il senso dello scritto di Artaud, privandolo della sua originaria carica erotica. Rivendicando la soggettività autoriale del regista cinematografico, Germaine Dulac aveva personalizzato l’opera presentando un personaggio femminile, non più statico oggetto del desiderio, così come si delineava nell’immaginario artaudiano e in quello surrealista, bensì cosciente e mortifera seduttrice.
La visualizzazione delle rêveries al femminile è una delle principali innovazioni tematiche introdotte dalla cineasta, che propone sullo schermo delle donne consapevoli del proprio potere di seduzione e determinate, attraverso lo strumento dell’immaginazione, ad affrancarsi dalla rigida istituzione del matrimonio borghese. La scoperta della psicanalisi e quella del cinema coincisero all’epoca con una discussione sul rapporto tra i sessi che non era certamente sfuggita alla regista, promotrice di una sessualità libera dalle costrizioni del vincolo matrimoniale, rivolta sia alla spettatrice che allo spettatore. Questi elementi, che verosimilmente urtarono un ambiente intellettuale impregnato della misoginia propria del movimento surrealista, rendono Germaine Dulac un’autrice autenticamente d’avanguardia, le cui teorie sul cinema e sulla condizione femminile troveranno una piena affermazione solo a distanza di decenni rispetto alla loro prima elaborazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Durante la Prima Guerra Mondiale la cinematografia fran- cese aveva subito una battuta d’arresto ed era stata nel frat- tempo surclassata dall’industria hollywoodiana. Le case di pro- duzione tentarono così di reagire aprendo le porte ad una nuova generazione di cineasti (Abel Gance, Louis Delluc, Germaine Du- lac, Jean Epstein, Marcel L’Herbier) che si battevano, attra- verso scritti teorici e realizzazioni sperimentali, per il ri- conoscimento artistico del cinema. Fino ad allora le riflessioni sul nuovo mezzo espressivo si erano limitate a sporadici articoli pubblicati su quotidiani e riviste d’informazione generale. Negli anni Venti la creazio- ne di pubblicazioni indipendenti, sale specializzate, cineclub orientati verso la riflessione estetico-teorica, determinò un evidente salto di qualità del pensiero sul cinema. I numerosi interventi che, non solo i primi teorici del cinema, ma anche intellettuali ed artisti lontani dall’ambiente cinematografico pubblicarono su quelle riviste, sono la testimonianza del viva- ce interesse che l’industria cinematografica suscitò negli am- bienti artistici per le possibilità di esplorazione di un nuovo linguaggio che questa offriva. L’interesse degli intellettuali per l’invenzione dei fratelli Lumière, che oggi potrebbe sem- brare un fatto scontato, fu ancor più sorprendente poiché fino agli anni Venti il cinema era considerato un divertimento da fiera, rivolto quindi agli strati incolti della società. E’ ne-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema sperimentale
fotografia
germaine dulac
industria cinematografica
cinema
storia del cinema
cinema francese
cinema d'avanguardia
cinema muto d'avanguardia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi