Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi localizzativa di una base logistica a servizio del porto di Genova

la mia tesi presenta nella prima parte una disamina sull'importanza della logistica aziendale: come si configura attualmente, quali soluzioni sono state pensate, quali sono le figure imprenditoriali coinvolte... Si passa quindi ad esaminare le caratteristiche tecnico-organizzative dell'intermodalità, e l'importanza, infine delle basi logistiche quali interporti e distriparks.
La seconda parte è volta a comprendere se, per il porto di Genova, sia preferibile la realizzazione di una base logistica in area endoportuale oppure una base interna. Sono presenti molte soluzioni alternative, con i pro i contro che le caratterizzano.
Infine, attraverso alcune interviste si è conosciuta l'opinione di alcuni operatori del settore in merito a questo argomento.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Nello scenario economico attuale, in particolare per quello che riguarda il trasferimento dei beni da un luogo ad un altro, il termine “logistica” è usato sempre di più, talvolta in modo inappropriato. La funzione logistica è divenuta sempre più importante per ogni tipo di azienda, specie quelle che operano su scala intercontinentale, in quanto grazie ad essa è possibile ridurre i costi di gestione (eventualmente demandandone la fase operativa a terzi) e nel contempo offrire al cliente un servizio qualitativamente superiore. Tenendo conto di questo aspetto, il mondo dei trasporti si è riorganizzato per venire incontro alle nuove esigenze di operatori ed utenti. L’obiettivo è realizzare un servizio che sia economico ma di elevata qualità. La riduzione del costo di trasferimento è stata resa possibile sia dalle migliorie tecniche apportate nei vari anni ai mezzi di trasporto, sia da una nuova concezione, nella movimentazione delle merci, che prevede un uso più intenso del cosiddetto “ciclo complesso”: in sostanza, si utilizzano più mezzi di trasporto, anche quando fisicamente ciò non sia indispensabile, così da conseguire risparmi. Questo è reso possibile da alcuni fattori: ad esempio, l’utilizzazione del modo di trasporto che consenta di far viaggiare il carico ai minori costi su una certa tratta; lo sfruttamento di particolari economie di scala; l’utilizzazione di tecniche c.d. hub and spoke e dell’intermodalità…

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Passarelli Contatta »

Composta da 314 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2367 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.