Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla parola al riso - Comico verbale e italiano popolare in Zelig

I meccanismi verbali che generano il riso sono molteplici. Lo scopo della tesi è quello di enuclearne le caratteristiche comuni studiando la correlazione tra riso e parola ed introducendoci nel variegato mondo di quello che Bergson chiama "comico che la lingua crea". Per farlo, si è analizzato in particolar modo la modalità espressiva dei comici della trasmissione Zelig.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. Introduzione 1.1 Perché una tesi su Zelig L’idea di incentrare una tesi su Zelig, fortunato programma televisivo che le reti Mediaset hanno proposto senza interruzioni nelle ultime stagioni, trae origine non tanto e non solo dall’interesse che ha il meticoloso lavoro che immagino alla base della creazione dei suoi numerosi e variegati personaggi e, soprattutto, della loro caratteristica comicità – che li distingue l’uno dall’altro – quanto soprattutto dalla constatazione che parecchi di loro, per suscitare nel telespettatore l’effetto desiderato, fanno leva su quella che Bergson ha definito comicità di parola (cfr. 1.2). Gestualità e uso tipizzato dei tratti sovrasegmentali (voce, volume, tempo, ritmo e accento degli enunciati) hanno un loro ruolo specifico e non è ipotizzabile che i comici di Zelig prescindano da essi, ma appare inconfutabile che sia la scelta delle parole, prerogativa per la creazione dell’effetto sorpresa, per lo ‘stupore’ freudiano (Freud 1976, p.21), la conditio sine qua non affinché si origini il tanto agognato effetto comico o, più precisamente, il ‘riso verbale’. Non è, Zelig, un esempio sublime di letteratura comica e di questo ne ho la piena consapevolezza; né intendo negare che, per quanto fulminea, la mia scelta di fare ricorso ad un programma così commerciale e di massa, che peraltro in tanti hanno accolto storcendo il naso, per affrontare il vastissimo tema del linguaggio della comicità, è stata senz’altro pesata e soppesata. Non ho potuto non constatare che il successo enorme del programma, condotto nell’ultima stagione televisiva da Claudio Bisio e Michelle Hunziker, lo qualifica a prescindere da ogni giudizio estetico e, ancor di più, testimonia della crescente predisposizione al riso verbale della massa degli italiani che, senza precipue distinzioni di età o ceto sociale, si divertono e ridono durante la fruizione di Zelig. È, quello del programma comico nato con il preciso progetto di portare il cabaret in televisione, un vero e proprio ‘caso’, cui i mass media hanno dato peraltro ampio risalto; ripercorrendo il recente passato televisivo, nel quale spicca il successo a cavallo degli anni ’90 di Drive In, non mancano certo esempi di programmi comici di successo. Il successo di Zelig, tuttavia, è di un’entità senza precedenti. In questo lavoro, mi soffermerò in modo particolare su alcuni dei personaggi che si esibiscono abitualmente durante la trasmissione, riproponendone le battute più esemplificative.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Pasquale Raicaldo Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3461 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.