Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il talk show sportivo e la sua evoluzione: analisi comparata di quattro casi specifici. La Domenica Sportiva - Controcampo - Il Processo di Biscardi - Qui Studio a Voi Stadio

Il panorama televisivo italiano, è ricco di trasmissioni incentrate sulla chiacchiera: il genere del talk show sta acquisendo, dunque, un ruolo sempre più importante all’interno dei palinsesti sia delle televisioni nazionali sia di quelle locali.
Oggi, è possibile assistere, infatti, ad una notevole quantità di programmi basasti sulla conversazione, ed è per questa ragione che qui si è preso come riferimento una delle tante tipologie di talk show, quello di carattere sportivo, al fine di individuarne le caratteristiche più rilevanti.
Prima, però, di giungere all’analisi vera e propria di quattro esempi specifici (La Domenica Sportiva, Controcampo, Il Processo di Biscardi e Qui Studio a Voi Stadio) ho ritenuto necessario inquadrare il genere talk all’interno del mondo televisivo, cercando di sottolineare le peculiarità che lo contraddistinguono.
Questo lavoro aveva come obiettivo quello di dimostrare come, pur partendo da uno stesso argomento di discussione (lo sport, o meglio il calcio), sia possibile dare vita a un serie di trasmissioni simili ma al contempo diverse l’una dall’altra: attraverso l’analisi di questi quattro casi specifici, spero, dunque, di essere riuscito nel mio intento.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE C’è chi sostiene che siamo il Paese degli sportivi seduti. Non c’è enunciato che fotografi meglio di questo la situazione dello sport in Italia: emarginato dalla formazione scolastica e costretto ad arrangiarsi, per la carenza di strutture, lo sport in Italia è poco praticato, pochissimo se si fanno i raffronti con altri Paesi industrializzati, Germania, Stati Uniti e Gran Bretagna su tutti. L’Italia detiene, invece, il primato dei quotidiani sportivi, è la patria delle trasmissioni televisive di approfondimento sui retroscena dello sport: in Italia domina la chiacchiera sportiva da “Bar Sport”. E’ infatti impossibile oggi non assistere come spettatori ad almeno un programma al giorno, in cui l’oggetto della discussione non sia lo sport, e questo a testimonianza di come ormai l’argomento sportivo susciti sempre maggior interesse sul pubblico televisivo. In realtà, però, dovremmo dire piuttosto che è il calcio ad aver assunto un ruolo e un’importanza particolari nella nostra cultura ed è per questo che la maggior parte delle trasmissioni appartenenti al genere del “talk show” lo considerano come il principale argomento di discussione. Possiamo infatti riscontrare numerosi esempi sia nella televisione pubblica sia nelle emittenti private, anche se qui ci limitiamo a prendere in considerazione solo alcuni casi specifici. Oggetto di analisi di questo lavoro sono infatti quattro programmi che potremmo inserire nel filone della cosiddetta “tv delle parole”: La Domenica Sportiva, Controcampo, Il Processo di Biscardi e Qui Studio a Voi Stadio (il riferimento è alla stagione televisiva 2002-‘03). Unica trasmissione ad avere la stessa età della nostra televisione, La Domenica Sportiva prese il via ufficialmente il 3 gennaio del 1954. Nata come notiziario La Domenica Sportiva non ebbe conduzione in studio fino al 1965, quando Enzo Tortora la trasformò in una vera e propria trasmissione. Da allora si sono alternati alcuni grandi giornalisti e personaggi come Lello Bersani, Paolo Frajese, Adriano De Zan, Marino Bartoletti, Sandro Ciotti, Gianni Minà, Giorgio Tosatti e molti altri, fino ad arrivare

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Gianluca Lucci Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4531 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.