Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione dello stato fisiologico di organismi sentinella (Tapes Philippinarum e Mytilus Galloprovincialis) mediante l'uso di biomarkers

Il presente lavoro analizza e disamina il biomonitoraggio ambientale

Mostra/Nascondi contenuto.
1 MONITORAGGIO AMBIENTALE 1.1 L'inquinamento ambientale Tutti gli organismi che vivono sul nostro pianeta sono sottoposti a situazioni più o meno intense di stress, ovvero a fattori che esercitano una limitazione allo svolgimento delle potenzialità dell’organismo. Negli ultimi decenni, l’inquinamento è diventato un fattore di stress rilevante e ha incrementato notevolmente le alterazioni fisiologiche degli organismi. Esso, infatti, agisce direttamente sugli esseri viventi oppure modifica i parametri ecologici dell’ambiente in cui questi vivono, determinandone in ogni caso un danneggiamento che può essere analizzato per risalire alle cause che l’hanno determinato. Studiando le alterazioni fisiologiche, morfologiche e anatomiche degli organismi e valutando l’impoverimento delle comunità, è stato possibile individuare aree in cui la qualità ambientale è scesa a livelli di pericolosità anche per l’uomo (http://www.regione.umbria.it). La accresciuta attenzione per la qualità ambientale ha portato alla nascita di regolamentazioni per il suo controllo, soprattutto delle acque e dell’atmosfera, perché ambienti più direttamente interessanti la salute umana (http://www.peritiagrari.it). Rispetto alle suddette matrici (aria, acqua), la ricerca e l’applicazione di strumenti biologici per identificare la qualità del suolo mostrano un notevole ritardo, imputabile soprattutto alle carenze conoscitive sugli ecosistemi edafici e sui loro singoli componenti (ANPA, CTN SSC, 3/2000). La valutazione degli effetti della contaminazione di origine antropica su una comunità che popola un ecosistema è un problema di difficile risoluzione per diversi motivi (McCarthy e Shugart, 1990), tra i quali: I) esistono diverse possibili vie di assunzione dei composti inquinanti nell’organismo; I I) i contaminanti presentano una diversa biodisponibilità a seconda dei comparti 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Irene Tamburin Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1671 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.