Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dibattito sull'immigrazione in ''La Repubblica''e ''El País''

La presente ha per oggetto l'analisi della trattazione del fenomeno immigrazione intrapresa negli ultimi dieci anni da El País e La Repubblica. La scelta di tale confronto è stata fatta sulla base di un precedente studio che ha svelato numerose affinità tra i due.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione I media svolgono un ruolo fondamentale nella rappresentazione del mondo. Assolvono l’indispensabile e magico compito di creatori del punto di contatto tra tutti i popoli del pianeta. E’, infatti, grazie a loro che in ogni istante diventa possibile venire in contatto con realtà lontanissime, non solo dal punto di vista dello spazio geografico ma anche culturale. La politica, l’economia, la cultura, la società, lo spettacolo, lo sport, tutto è filtrato dai media. Giornali, radio, tv e nuovi media sono il moderno areopago dove le informazioni si ricevono e si trasmettono rapidamente ad un audience universale. Ogni giorno migliaia di notizie bombardano, sconvolgono, stupiscono, deludono, interessano i cittadini del mondo; stili di vita e modelli culturali si intersecano determinando scelte individuali e collettive che modificano assetti sociali consolidati. Così è accaduto che le "notizie" dell'occidente opulento innescassero il moto apparentemente inarrestabile dell'immigrazione. Uomini e donne cercano il loro "altrove" lasciando terre segnate dalle guerre civili e dalla povertà; i giovani guardano la tv e scoprono il luccichio del nord del mondo, percepiscono “tenori di vita” diversi, società apparentemente pronte all'accoglienza. I flussi dai sud del mondo verso le nazioni più ricche hanno riacceso pregiudizi antichi ma anche alimentato aspettative per l'economia; i media puntualmente registrano ed amplificano polemiche e dibattiti. Prendendo come riferimento l’attuale scacchiere europeo, ci si rende conto da subito che oggigiorno ci sono paesi che soprattutto per la loro posizione geografica risultano più esposti al fenomeno immigrazione. E’ il caso della Spagna e dell’Italia che, in ritardo rispetto a Francia e Germania, hanno conosciuto da vicino il fenomeno immigratorio. Per lo più gli immigrati varcano le acque del Mediterraneo con il progetto di attraversare il territorio spagnolo e la penisola italiana e raggiungere il nord Europa, molti decidono di fermarsi alla prima tappa e cercano un'occupazione nelle nostre città. La loro presenza non passa inosservata e si impone all'agenda dei governi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Federica Cortesia Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11381 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.