Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Non sono il Messia, lo giuro su Dio!''- Messianismo e modernità in ''Life of Brian'' dei Monty Python

Si tratta di una analisi del film secondo gli schemi proposti da Genette in "Palinsesti" e Compagnon in "La seconde main", con successiva comparazione della figura cristologica con quella di altri film come "Il vangelo secondo Matteo","Tommy","Jesus Christ Superstar","Jésus de Montréal" e "Cercasi Gesù".

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione “Soltanto il vero Messia nega la sua divinità!” Di conseguenza Brian, un uomo qualunque nella Palestina al tempo di Gesù, è “eletto” Messia suo malgrado. Nulla può contro il favore popolare, contro i Romani, contro la sua stessa organizzazione terroristica da burletta: dovrà subire lo stesso destino, con le stesse modalità (parodiate), del Messia più famoso suo co- evo. Il divertente, l’irriverente, ed a volte perfino il grottesco che questo film emana, sono da leggere con attenzione: sotto la patina superficiale dell’ironia e della parodia, il film contiene spunti per riflessioni e osserva- zioni che spaziano, tanto per rimanere in tema, dall’alfa all’omega. Quel- lo che ho cercato di portare a galla in questo lavoro, è la rappresentazio- ne del Messia e del suo rapporto con la massa. Il primo capitolo sarà semplicemente un’introduzione al gruppo di comici inglesi che ha realizzato il film: i Monty Python. La ritengo dovero- sa, vista la poca popolarità dei sei attori nel nostro Paese: parlerò delle loro esperienze teatrali all’università, l’approdo alla televisione, dappri- ma in programmi separati e successivamente la prolifica unione sotto il placet della BBC, e la fantastica stagione del Monty Python’s Flying Cir- cus. Quattro serie di episodi registrati fra il 1969 e il 1974 che cambiarono completamente la comicità inglese, inaugurando nuove frontiere e nuovi paradigmi del comico, affrontando temi fino allora impensabili o intocca- bili, generando un prodotto valido e godibilissimo a tutt’oggi. Accenni sa- ranno fatti ai film che hanno fatto da corollario a questo exploit televisi- vo, alcuni senza grande fortuna commerciale, altri decisamente meglio riusciti: Il senso della vita, del 1983, è sicuramente il loro film più cono- sciuto, vincitore del Gran Premio della giuria a Cannes nell’edizione di quell’anno del Festival. Infine, cenni preliminari a Life of Brian, la genesi del film, le difficoltà e, ovviamente, la trama. Chi conosce le persone ed il periodo di cui stiamo parlando potrà saltare questo primo capitolo se lo desidera, ma credo che non tutti sappiano quale duro lavoro ci sia e sia

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giordano Vintaloro Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1457 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.