Skip to content

La Giustificazione. Motivazione e argomentazione nelle decisioni giudiziarie

Informazioni tesi

  Autore: Giancarlo Chirico
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giovanni Marino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 245

Il primo comma dell'art.111 Cost. statuisce che "tutti i provvedimenti giurisdizionali devono essere motivati"; per cui la motivazione è parte essenziale dei provvedimenti giurisdizionali ed è destinata a svolgere una triplice funzione: impugnatoria, di controllo ed extraprocessuale.
Sebbene nessuno possa dubitare del fatto che "nessuna decisione può apparire giusta se non se ne può verificare il fondamento" (Taruffo), controversa è in dottrina la ricostruzione concettualistica della motivazione, soprattutto da quando si è messo in luce la insufficienza del modello e della ricostruzione sillogistico-tradizionale. Da queste preliminari considerazioni l'autore muove alla ricerca di una nuova impostazione del problema, discutendo criticamente i due differenti modelli di "analisi delle decisioni giudiziarie" proposti dalla dottrina: il modello normativo (capitolo I) e quello pragmatico (capitolo II). Il primo deve la sua fortuna al teorico del diritto Herbert Hart, secondo il quale il giudice non può creare il diritto, trovandolo già positivizzato nelle norme, ma lo può solo interpretare, muovendosi più o meno liberamente nelle zone di penombra dell'area semantica di ogni espressione linguistica: la sua libertà operativa diventa però massima nei cd. hard cases, dove il giudice deve comporre e risolvere un conflitto comunicativo tra il diritto ed il fatto e lo fa compiendo delle scelte tra le molteplici e parimenti plausibili soluzioni possibili. L'altro modello è invece legato all'opera concettuale del giurista danese Alf Ross, secondo il quale l'opera del giudice è fortemente creativa ed innovativa, tesa tra "coscienza giuridica formale" e "coscienza giuridica sostanziale": da questo conflitto di forze discende una soluzione che non può essere solo formalmente corretta, ma pure socialmente accettabile. Il terzo capitolo del lavoro tiene conto del dibattito italiano che è proprio polarizzato intorno al positivismo giuridico di Hart (così Scarpelli e Jori) ed il realismo giuridico di Ross (la scuola genovese di Tarello e Guastini) e che è mosso intorno ad un interrogativo non solo giuridico, ma morale: "quis custodiet ipsos custodes?"

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione. § 1. La motivazione come giustificazione. Il primo comma dell’art.111 della Costituzione italiana statuisce che «tutti i provvedimenti giurisdizionali devono essere motivati». La motivazione è una delle parti componenti la sentenza giudiziaria e, più precisamente, è la parte in cui il giudice (il relatore, nel caso di un giudice collegiale) espone i motivi in fatto ed in diritto della decisione enunciata nel dispositivo 1 . Sono diversi i livelli di fruizione della motivazione giudiziaria, perché sono diverse le funzioni da essa svolte: secondo una nota classificazione si può parlare di «funzione impugnatoria», di «funzione di controllo» e di «funzione extraprocessuale» 2 . La funzione impugnatoria della motivazione si rivolge alle parti processuali: nella motivazione il giudice deve, infatti, dimostrare che la sua decisione è fondata su una norma valida dell’ordinamento giuridico e che 1 Cfr. Bulygin Eugenio, Sentenza giudiziaria e creazione del diritto, in Rivista Internazionale di Filosofia del Diritto, 1967, pp.166/167. 2 Cfr. Taruffo Michele, La fisionomia della sentenza in Italia, in Materiali per un corso di analisi della giurisprudenza, a cura di M. Bessone e R. Guastini, Cedam, Pd, 1994, pp.239/240.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

argomentazione
decisioni giudiziarie
giustificazione
motivazione
positivismo giuridico
realismo giuridico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi