Skip to content

Il mercato azionario italiano: efficienza e anomalie

Informazioni tesi

  Autore: Giampaolo Finaldi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: StefanoBozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

Il tema dell’efficienza dei mercati finanziari, della sua concreta realizzabilità e degli effetti potenzialmente producibili all’interno dei sistemi economico-finanziari evoluti, si pone ormai da molti anni al centro del dibattito scientifico , suscitando l’interesse e la curiosità di molti, tra accademici, operatori, istituzioni e semplici risparmiatori. Nonostante l’ingente mole di contributi – tra elaborazioni teoriche e verifiche empiriche – dedicati all’argomento soprattutto negli ultimi trent’anni, non sembra ancora possibile scorgere un filone interpretativo unanimemente accettato e condiviso, rendendo tuttora alquanto complesso il compito di formulare una risposta adeguata agli interrogativi costantemente riproposti all’attenzione degli esperti.
I mercati finanziari sono efficienti? I prezzi espressi dalle quotazioni azionarie sono effettivamente rappresentativi del reale valore dell’azienda emittente? Esistono tecniche e metodologie di investimento in grado di generare efficaci segnali di compravendita da utilizzare per poter ottenere rendimenti elevati dall’attività di compravendita di strumenti finanziari?
Si tratta di alcune tra le più significative e ricorrenti domande sulle quali il mondo accademico da una parte e l’insieme degli operatori, ovvero dei “pratici” dall’altra, sono costantemente interpellati e sollecitati ad offrire spiegazioni attendibili ed inconfutabili.
Il presente lavoro si propone di affrontare e approfondire le tematiche appena citate, nel tentativo di offrire una visione generale sul problema dell’efficienza dei mercati finanziari, con particolare riferimento al mercato azionario italiano.
Lo scritto si apre con una puntuale esposizione delle teorie elaborate nel corso degli anni per tentare di offrire una spiegazione al fenomeno dell’efficienza dei mercati. Successivamente, lo studio analizzerà le due “filosofie”, da sempre contrapposte nella valutazione delle dinamiche di formazione dei prezzi, ma accomunate dall’obiettivo di individuare regole di compravendita capaci di “battere il mercato” garantendo la realizzazione di extra-profitti: l’analisi fondamentale e l’analisi tecnica. Si procederà pertanto non solo all’illustrazione dei principali strumenti di indagine a disposizione di “fondamentalisti” e “tecnicisti”, ma si provvederà altresì a sottoporre tali strumenti ad una rigorosa indagine empirica, nel tentativo di testare la loro effettiva efficacia, verificando nel contempo il livello di efficienza del mercato borsistico italiano. A tal fine, inoltre, saranno presentati i risultati delle diverse verifiche empiriche svolte nel corso degli anni da numerosi studiosi; verifiche, che hanno anche evidenziato la presenza di anomalie, cui sarà dedicata l’ultima parte del lavoro.

NOTE TECNICHE: punti tesi: 7,45

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Teoria Finanziaria 1.1 Il rischio – 1.2 La diversificazione – 1.3 La frontiera – 1.4 Il Market Model – 1.5 Il Capital Asset Pricing Model – 1.5.1 Lo “Zero-beta” CAPM 1.6 Verifiche del CAPM Nel capitolo sono illustrate le strutture della teoria economica: si presenterà la nozione di rischio, i benefici della diversificazione e il Capital Asset Pricing Model, il modello economico più utilizzato dagli operatori finanziari. L’argomentazione è volutamente concisa e non esaustiva, ma concerne le basi concettuali più importanti e diffuse nella dottrina finanziaria mondiale. 1.1 Il rischio Il concetto di rischio ha assunto, nel corso degli anni, diversi significati. Ai primi del Novecento gli analisti associavano il rischio di un titolo al grado di indebitamento dell’impresa: più questo era alto, più rischioso veniva considerato il titolo. Negli anni Sessanta, Graham, Dodd e Cottle 1 definirono una misura del rischio come “margine di sicurezza”. Il loro margine di sicurezza non si basava sui bilanci, ma piuttosto sulla differenza tra i prezzi di mercato e i valori intrinseci delle azioni. Essi sostenevano che l’analista deve stimare indipendentemente il valore intrinseco di un titolo senza considerare il prezzo corrente di mercato 2 . La differenza tra valore intrinseco e il prezzo di mercato rappresentava sia il margine di sicurezza sia una misura del rischio: più ampio il margine di sicurezza, più basso il rischio. Inoltre, Graham e Dodd riconoscevano l’importanza del contributo di ogni singolo titolo al 1 B. Graham, D. Dodd, e S. Cottle, Security Analysis, McGraw-Hill, 1962. 2 Il “valore intrinseco” può essere definito come il valore che un analista attribuirebbe ad un’azione in base alla capacità dell’impresa di produrre utili e alla sua situazione finanziaria, senza considerare il valore di mercato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi